A- A+
Milano
Sanità, Maroni ci mette una pezza: riforma pronta per l'approvazione

"Le nuove regole di sistema approvate oggi certificano l'eccellenza del Sistema socio-sanitario lombardo e rendono più efficienti i servizi, parallelamente all'obiettivo di contenimento e riduzione della spesa, perché noi siamo virtuosi". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni nel corso della conferenza stampa dopo la seduta della Giunta regionale. "Infatti - ha sottolineato il presidente -, nonostante i tagli che abbiamo ricevuto, riusciamo a non aumentare i ticket e a non aumentare la pressione fiscale, come invece fanno quasi tutte le Regioni, vogliamo anzi continuare sulla strada della riduzione dei costi per i cittadini nella sanità pubblica e privata. Questa mattina abbiamo riportato in Giunta, per la riapprovazione tecnica, il disegno di legge sull'evoluzione del Sistema socio-sanitario lombardo, aderendo volontariamente alla richiesta della Presidenza del Consiglio regionale di adeguarlo al nuovo Regolamento, entrato in vigore il primo gennaio, dopo la presentazione al Consiglio della nostra proposta di legge". Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questa mattina, nel corso della conferenza stampa dopo la seduta della Giunta regionale. "Per evitare problemi, - ha proseguito Maroni - abbiamo riadattato il testo, che adesso è conforme al nuovo regolamento del Consiglio e dunque può essere assegnato alla Commissione Sanità".

"Si è insediato - ha aggiunto Maroni - il Tavolo tecnico di maggioranza, per seguire l'iter della riforma, Tavolo che avrà lo scopo di trovare una posizione condivisa dalla Maggioranza sul testo della riforma e sul cronoprogramma dei tempi per arrivare all'approvazione definitiva". "Sono ottimista - ha concluso - e penso che i tempi saranno rapidi".

"Una buona azienda quando si presenta deve tracciare obiettivi e progetti per l'anno in corso. E' questo il significato delle Regole di Sistema che abbiamo approvato in Giunta lo scorso 23 dicembre ed è nel rispetto di queste linee guida che tutti i direttori generali del Sistema sanitario lombardo si dovranno muovere, saranno valutati". Così ha esordito il vicepresidente e assessore alla Salute della Regione Lombardia, Mario Mantovani, presentando le Regole del Sistema sanitario lombardo per il 2015 approvate dalla Giunta. "Emergenza, equità, cronici, eccellenza, merito, nuove tecnologie, sviluppo e trasparenza" sono le parole d'ordine dettate dall'assessore e delle quali ha tracciato il contenuto. Mantovani ha posto anche l'accento "alla maggiore attenzione rivolta ai pazienti cronici, ai nuovi investimenti per migliorare ulteriormente l'eccellenza sanitaria delle rete ospedaliera lombarda e alle nuove tecnologie per una sanità ancora più vicina al cittadino". 


"Siamo l'unica regione italiana ad aver ormai completato il percorso del '112', come numero unico europeo, per le emergenze. Nel 2014 abbiamo ricevuto oltre 4 milioni di chiamate poi smistate tra polizia, carabinieri, Rete di soccorso e vigili del fuoco. Per quest'anno - ha spiegato Mantovani - completeremo definitivamente questo processo. In parallelo stiamo avviando nuovi modelli organizzativi più flessibili per i nostri Pronto Soccorso, così da assicurare cure più rapide e appropriate ai cittadini. Un progetto che abbiamo finanziato con 2 milioni di euro per l'area metropolitana milanese. Inoltre, proseguiremo ad investire sul ruolo dei medici di medicina generale. A questo proposito, proprio ieri a Cerro Maggiore, ho visitato una struttura che garantisce una copertura dal lunedì al venerdì dal le 8 alle 20 e il sabato mattina, che ha permesso una riduzione degli accessi al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Legnano di oltre il 20 per cento. Altro punto strategico delle Regole di Sistema 2015 è l'ulteriore miglioramento dei tempi di attesa. Proseguiremo con l'operazione 'Ambulatori Aperti' che nell'ultimo quadrimestre dell'anno ha fatto registrare oltre 100 mila prenotazioni'. L'anno scorso sono aumentati il numero di visite e di esami radiologici nella aree più critiche. Abbiamo garantito oltre 25 milioni di prestazioni aggiuntive superando il traguardo delle 7 milioni di visite (+2,4% rispetto al 2013, con +6% di risonanze e +4,6% di Tac)"

Tags:
maroniriforma sanita






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.