A- A+
Milano

di Gianni Cuperlo

Il congresso del Pd nei fatti è già cominciato. La Commissione sulle regole sta discutendo tempi e procedure. Ma la cronaca, i diversi documenti e soprattutto i contributi di tanti nostri circoli sono il segno della voglia di ragionare e decidere. Tutto questo avviene nel mezzo della crisi e in un clima reso più teso dall’ennesima pagina del conflitto tra la destra e la magistratura.
Alle spalle abbiamo mesi difficili: la delusione nel voto di febbraio, i giorni tormentati sulla presidenza della Repubblica, la nascita del governo Letta che sosteniamo con lealtà e autonomia.
Il voto amministrativo è stato una boccata di ossigeno, anche se l’astensione è un dato che fa riflettere. Anche per questo dobbiamo  ripartire. E questo vuol dire cambiare quanto va cambiato perché la perdita di prestigio riguarda anche ciascuno di noi e sarebbe un torto grave rovesciare le colpe sulle spalle del solo Bersani. Per parte mia continuo a pensare che abbiamo le risorse per superare il passaggio più complicato e tornare a vincere nel Paese.

In questa cornice, nelle settimane passate, mi è stato chiesto di dare una mano accettando di fare una cosa tra le più impegnative che possano venire in mente: discutere le ragioni del nostro partito e candidarsi a guidarlo per una fase. Personalmente ho un rispetto profondo per le intelligenze e passioni che vivono oggi nel Pd. E allora, per valutare quella proposta mi è parso doveroso provare a descrivere alcune idee su un partito popolare e democratico per l’Italia dei prossimi anni.
Il Congresso deve offrire risposte chiare e piattaforme limpide che investano i principi e il nostro modo di essere. Per riuscirci servirà la partecipazione più larga di  iscritti, militanti, elettori. Venire a Milano e incontrare amici e compagni della città e della provincia per presentare e discutere quelle idee è per me un’occasione preziosa.
Per ciò che la città rappresenta e per l’esperienza del centrosinistra negli ultimi anni col successo di Pisapia e la scommessa coraggiosa di Umberto Ambrosoli.
Per questo mi farebbe piacere incontrarti Venerdì 5 luglio al Centro Congressi delle Stelline, in Corso Magenta 61 alle ore 18.00
 

Tags:
cuperlo







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.