A- A+
Milano
Milano capitale del gioco. 5,9 miliardi per tentare la fortuna

Milano e' la provincia regina per quanto riguarda il gioco in Italia. Nel 2013 nel capoluogo lombardo sono stati infatti spesi 5,9 miliardi di euro per tentare la fortuna. Se il mercato del gioco ha subito una forte battuta d'arresto in tutt'Italia,  in Lombardia la febbre da slot è ancora molto alta. Tutte le province lombarde vedono il segno più davanti al dato della spesa: dopo Milano, al secondo posto c’è Bergamo, dove quest’anno se ne sono andati 1,6 miliardi, seguita da Pavia (1,5) e da Brescia (1,3) che è però la più virtuosa se si va a vedere la spesa pro capite in giocate: qui si spendono in media 1.165 euro per ciascun abitante, il dato più basso della regione. I minori volumi di gioco invece si registrano a Lodi (292 milioni di euro spesi) e Sondrio (237). Sul podio anche Roma (5,3 miliardi) e Napoli (3,5 miliardi).

NEL RESTO D'ITALIA - Per singolo gioco, Roma rimane la capitale per il SuperEnalotto, mentre Napoli si aggiudica Lotto e scommesse sportive. Ben 18 le province con una spesa per il gioco superiore al miliardo di euro. Dopo le tre sopracitate, nella graduatoria delle province dove si gioca di piu', troviamo Torino con 2,6 miliardi, Bari (1,6), Bergamo (1,6), Pavia (1,5), Brescia (1,3), Palermo (1,3), Varese (1,2), Bologna (1,2), Salerno (1,2), Genova (1,1), Caserta (1,1), Como (1,1), Venezia (1,1), Firenze (1,1), Modena (1). Maglia nera ad Enna e Crotone, le uniche due province con una raccolta per i giochi nel 2013 inferiore ai 100 milioni di euro.

Sotto i 150 milioni troviamo Isernia (115), Vibo Valentia (128) e Oristano (134). La graduatoria cambia pero' completamente se si considera la spesa pro capite. In Italia la spesa pro capite per il gioco sara' nel 2013 di poco superiore ai 1.200 euro l'anno, vale a dire di 100 euro al mese. Se si considera la spesa al netto delle vincite, la cifra spesa per il gioco scende a 288 euro l'anno, vale a dire 24 euro al mese. Tornando alla raccolta (cioe' senza lo storno delle vincite), in testa alle province italiane per la spesa pro capite per il gioco troviamo Pavia con 3.000 euro per abitante. Seguono gli abitanti di Como, Teramo e Rimini, tutte con oltre 1.900 euro l'anno spesi per il gioco. Nelle prime dieci posizioni troviamo anche Savona (1.700), Latina (1.700), Reggio Emilia (1.600), Terni (1.600), Pescara (1.600), Bergamo (1.600). Tra i grandi centri, Milano fa segnare una spesa per abitante superiore ai 1.500 euro, Roma 1.400 e Napoli 1.100. Enna anche in questa graduatoria occupa l'ultima posizione con una spesa, per dare la caccia alla dea bendata, di meno di 500 euro per abitante.

Tags:
milanogiocoslot machine







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.