A- A+
Milano

 

Ambulanza

 

Gravissimo incidente stradale a Milano: una donna incinta di origine egiziana e suo figlio di quattro anni sono stati investiti dall'auto condotta da un 28enne attorno alle 19:30 in viale Famagosta, una sorta di superstrada urbana nella zona sud della città. L'automobilista si è immediatamente fermato a soccorrerla, ma le condizioni delle vittime sono apparse subito disperate: la donna, 29 anni, incinta al settimo mese, è stata condotta in codice rosso al San Paolo, dove le è stato praticato un parto cesareo d'urgenza. Il piccolo è però morto pochi minuti dopo, così come la madre.

Nell'incidente è stato coinvolto anche il primogenito della donna, di 4 anni: il piccolo è stato trovato e soccorso dopo un’ora, quando il padre arrivato in ospedale ha raccontato ai soccorritori che la moglie si trovava in compagnia del bimbo. Il suo corpo era stato sbalzato a 45 metri dal punto dell’impatto ed era finito tra due lastre di new jersey che dividono la carreggiata: condotto in codice rosso nello stesso ospedale, anche per lui non c'è stato nulla da fare.
 


Ricoverato sotto choc anche il padre delle vittime. La famiglia viveva a circa 500 metri dal luogo dell’incidente. Dai primi accertamenti sembra che la donna stesse attraversando il viale in un punto in cui non ci sono strisce pedonali, quanto è sopraggiunta una Citroën Xsara Picasso guidata dal 28enne che si è fermato e ha tentato di soccorrere la vittima. Il giovane è stato sottoposto al test di alcol e droghe, risultando negativo; sarà comunque indagato per omicidio colposo plurimo.

"La donna e il bambino sono stati colpiti dallo spigolo anteriore sinistro dell'auto. La donna e' stata sbalzata in avanti di 25 metri, il figlio di 46, stiamo ancora verificando alcuni dettagli, come il senso di attraversamento e la velocitÖ del veicolo". Lo spiega il comandante della polizia locale Tullio Mastrangelo, presente in via Famagosta sul luogo dell'incidente nel quale ieri sera ha perso la vita una donna 29enne egiziana incinta di 7 mesi, il bambino che stava aspettando e un altro figlio di 4 anni. "Il bambino di 4 anni non e' stato trovato subito perchá non era visibile e non sapevamo che fosse presente sul luogo dell'incidente. Solo in un secondo momento il marito della donna e padre dei bambini ci ha detto che anche il figlio doveva essere con lei, e l'abbiamo cercato". Sul luogo dell'incidente ieri sera erano presenti numerosi tassisti del turno serale:"Improvvisamente abbiamo sentito uno schianto, senza una frenata prima", dice D.G.: "in un luogo come questo dovrebbero esserci delle barriere per impedire alle persone di attraversare, come e' stato fatto in via dei Missaglia". Di diverso avviso un suo collega, D.C. : "mettere le barriere non servirebbe a nulla, anche i pedoni devono rispettare le regole della strada e non mettere a rischio se stessi e gli altri. E' uno scandalo che l'investitore adesso sia stato indagato per omicidio colposo".

Tags:
milanodonna incinta






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.