A- A+
Milano

Due cadaveri sono stati trovati in via Lessona, un'area periferica nella zona nord di Milano, a Quarto Oggiaro. Entrambi sono stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco. Sul posto, un'area al limitare della strada dove si trovano alcuni orti, è arrivata la polizia.

A segnalare la presenza del primo cadavere è stato un passante che, accortosi del corpo, ha chiamato verso le 14,45 per avvertire del ritrovamento. Gli agenti hanno trovato anche il secondo cadavere. Al momento la polizia non si sbilancia sui moventi degli omicidi.

Emanuele Tatone 52enne boss della malavita milanese è stato più volte al centri della cronaca criminale, appartiene ad una delle famiglie criminali più note nella zona di Quarto Oggiaro, è originario di Caserta e risiedeva in via Pascarella 18 con moglie e figlia. Con precedenti numerosi per tentati omicidi, furti, rapine, spaccio di droga, sembrerebbe che negli ultimi mesi avesse manifestato l'intenzione di "cambiare". In estate era tornato alle cronache per aver partecipato alle lotte tra forze dell'ordine e occupanti di abitazioni abusive che hanno avuto luogo nel quartiere. Con lui ß stato trovato ucciso anche Paolo Simone, pregiudicato e tossicodipendente noto nel quartiere, 54enne senza occupazione.

Tags:
milanoomicidio







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.