A- A+
Milano
Milano, sgombero alla ex scuola di via Zama: c'erano sedici occupanti. FOTO
Milano, sgombero nell'ex scuola di via Zama

Milano, sgombero alla ex scuola di via Zama: c'erano sedici occupanti

Intervento questa mattina della Polizia Locale di Milano, con la collaborazione di Amsa, dei Servizi sociali del Comune, della Polizia di Stato, dei Vigili del Fuoco, della Protezione civile e di personale sanitario, per la messa in sicurezza dell’ex Istituto Scolastico “Giuseppe Mazzini”, immobile da tempo abbandonato in via Zama 23, nel Municipio 4.

Gli agenti hanno trovato sul posto 16 occupanti abusivi, otto dei quali sono stati accompagnati negli uffici perché sprovvisti di documenti.La messa in sicurezza era necessaria per procedere alla pulizia dell'area. Il Comune ha deciso infatti di dare lo stabile in gestione ad Amsa, che garantirà un servizio di vigilanza. Nel frattempo, la scuola verrà presidiata dalla Polizia Locale. 

"Come anticipato qualche giorno fa, stiamo intervenendo in via Zama per ridare al quartiere, con l’intento di riqualificarlo, uno stabile da troppo tempo abbandonato - afferma la Vicesindaco e assessora alla Sicurezza Anna Scavuzzo -. Sono già partite le attività di messa in sicurezza e di pulizia e stiamo lavorando per ripensare questo spazio rendendolo utile per il quartiere. Ringrazio gli agenti della Polizia Locale, della Polizia di Stato, gli operatori dei Servizi Sociali e sanitari, oltre che di Amsa, per la professionalità con la quale hanno reso possibile una operazione così delicata”.

Bassi (Municipio 4 Lega): "Sgombero è nostra vittoria"

“Lo sgombero e la messa in sicurezza dell’ex scuola di via Zama è una nostra vittoria”. Lo afferma il Presidente del Municipio 4 e Vice-Commissario provinciale della Lega Paolo Guido Bassi in relazione alle operazioni delle forze dell’ordine e dei primi lavori di pulizia e sanificazione dell’ex istituto scolastico di via Zama, da anni teatro di occupazioni abusive. “La tempistica con la quale l’immobile è stato affidato ad Amsa, che arriva a poche settimane dalle elezioni comunali – fa notare il Presidente – è, per usare un eufemismo, particolare. Ma – prosegue – guardiamo al risultato: finalmente sono state ascoltare le richieste avanzate da anni da Municipio e cittadini. Grazie agli agenti della Polizia di Stato e della Polizia Locale, che in queste ore insieme a Vigili del Fuoco e Croce Rossa, stanno lavorando sul posto. Rivendico – afferma Bassi – il nostro ruolo su questa partita, come testimoniano i tanti sopralluoghi, incontri, presidi, iniziative per risolvere questa annosa questione del quartiere Mecenate-Ungheria. Noi – sottolinea Bassi – non ci siamo mai fermati alla mera protesta. In questi cinque anni di governo del Municipio, abbiamo avanzato idee e proposte per trovare, almeno parzialmente, un modo per utilizzare in maniera virtuosa questi spazi. Eravamo riusciti a proporre all’amministrazione centrale un progetto concreto di realizzazione di un asilo nido nell’ex palestra della scuola, che avrebbe restituito questo luogo alla città offrendo un servizio utile e richiesto dai residenti".

"Avevamo anche individuato degli imprenditori potenzialmente interessati a utilizzare i locali dell’ex istituto, ma nell’uno come nell’altro caso, nonostante una prima disponibilità, non siamo stati supportati da Palazzo Marino. Sono poi seguiti i tentativi, falliti, della Giunta Sala di vendere il bene. E intanto i cittadini hanno dovuto continuare a subire per anni degrado, sporcizia, odori nauseabondi e insicurezza. Oggi quindi – conclude il Presidente Bassi – si mette solo una pezza a una situazione che Sala (il quale non mi risulta sia mai venuto a vedere con i suoi occhi la situazione) e i suoi assessori hanno trascurato per anni limitandosi a sperare che una vendita immobiliare potesse togliere loro le castagne dal fuoco. Sappiamo che il destino di via Zama è già stato deciso. Fino ad oggi senza alcun coinvolgimento né del Municipio, né del quartiere (tanto che solo tre settimane fa un comitato aveva organizzato l’ennesima manifestazione di protesta). Ci penseremo noi a fare in modo che il quartiere possa tornare protagonista e dire la sua sul futuro di questa struttura”.

LEGGI ANCHE: LA CAFFETTERIA DEI GATTI VICINO ALLA CENTRALE

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ex scuolavia zamamilanosgomberopolizia locale






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    La CGIL è la stampella dei padroni
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.