A- A+
Milano
Milano, Tatarella (Fi): “Niente papa straniero per Forza Italia”

di Fabio Massa

Forza Italia e Lega Nord, tentativi di accordo ed alleanza. L’occasione “plastica” per vedere la prova di una politica comune dopo le tante incomprensioni degli ultimi mesi arriva proprio da Palazzo Marino, dove si terrà venerdì alle 18 in Sala Alessi un convegno dal titolo “Riforma della formazione professionale e politiche in Lombardia”. Sul palco tre forzisti doc come Pietro Tatarella, il capogruppo, Alan Rizzi e Andrea Mascaretti, consiglieri. E due leghisti altrettanto doc Alessandro Morelli, capogruppo e Igor Iezzi, segretario provinciale. Anche gli interventi sono bipartisan: Valentina Aprea, Angelo Ciocca e Gianni Bocchieri. A moderare Vincenzo Sofo, consigliere di zona 6 e trait d’union tra la destra e la Lega.

Pietro Tatarella non rinuncia alla lettura politica dell’evento che si tiene domani a Palazzo Marino e che vede Lega Nord e Fi insieme. E ad Affari spiega: “Sono prove d’intesa, ma non è una novità. Forza Italia? Entro trenta giorni deve presentare il proprio candidato. Papa straniero? Faremmo un errore. Io candidato? Direi di no, anche se poi a vedere certi nomi che propone il centrosinistra…” L’INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Venerdì si tiene un convegno con la Lega sul lavoro. Prove d’intesa Carroccio-Azzurri?
Si possono chiamare prove d’intesa ma non è una novità. Con la Lega Nord da sempre abbiamo convergenza su alcuni temi. Non mi stupisce che si ritorni ad ascoltare le parti e la città insieme.

Forza Italia cerca un papa straniero in vista delle elezioni di Milano 2016?
Forza Italia si deve presentare all’appuntamento elettorale con un suo candidato sindaco. Poi vedremo chi si presenterà contro il centrosinistra, ma dobbiamo avere un candidato di nostra espressione.

Può anche non essere un uomo di partito?
Se dobbiamo proprio inventarci un nome e pescare dalla società civile facciamo un errore. Nell’ultima tornata elettorale abbiamo vinto dove i candidati avevano fatto una gavetta politica.

I nomi di vari manager che stanno girando non sono veri?
Potrebbero anche essere veri, ma da capogruppo di Forza Italia ho tutto l’interesse affinché il nostro candidato sindaco sia di espressione politica e di partito. Anche perché non vedo grandi campioni pronti a guidarci alla vittoria elettorale, parlando della società civile.

Intanto Gallera ha scaldato i motori.
Lui ha la sua storia politica e il suo percorso. Fa bene, se crede di poter fare il candidato sindaco, a giocarsi la sua partita. Noi quello su cui stiamo lavorando è trovare un’unità su un candidato e vorremmo farlo nel giro dei prossimi 30 giorni.

E’ verso che Forza Italia è balcanizzata?
Oggi c’è sicuramente il superamento delle correnti. Non ci sono più le correnti che hanno contraddistinto prima Forza Italia e poi il Pdl. Il partito da questo punto di vista ha cambiato faccia. Io non vedo una balcanizzazione del partito. Credo che però ci siano degli ottimi amministratori locali che dovrebbero forse iniziare ad alzare la voce. Quando vedo dei deputati che firmano un documento da portare a Berlusconi aiutando Renzi, e quando vedo che quegli stessi deputati farebbero fatica a farsi eleggere in consiglio di zona, mi viene da dire che forse dobbiamo essere noi ad alzare la voce.

Lei si candida a sindaco?
Non credo. Io ritengo che fare il candidato sindaco di una città importante come Milano richiede uno standing di altissimo livello che mi rendo conto - a 31 anni - di non avere. Anche se ogni tanto leggendo i nomi che circolano nel Pd sul dopo Pisapia, non nego che mi viene da dire che ci sarebbe spazio anche per me. 

@FabioAMassa

Tags:
milanotatarellaforza italiapapa straniero







A2A
A2A
i blog di affari
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.