A- A+
Milano

Ho scoperto grazie a un post di Pietro Tatarella su facebook che per un ora e' stato in pagina su Affari Italiani ,e poi rimosso, un articolo di Gian Andrea Zagato che mi chiede alcune spiegazioni sulla Mm4.

Rispondo volentieri
Ho partecipato lunedi 22 settembre a un incontro tra il Sindaco e i capigruppo di minoranza sul tema Mm4 , dove ho espresso questa posizione : la MM4 va assolutamente fatta, pero' va modificato il progetto laddove prevede un unico maxicantiere di cablaggio collocato all'interno del Parco Solari e nelle vie Foppa e Dezza. Questa soluzione devastante per l'ambiente poteva giustificarsi per completare Mm4 in tempo per Expo. Siccome pero' la linea 4 sara' pronta forse nel 2020 e'meglio mettere i cantieri in zone non abitate , senza tagliare 140 alberi in un parco appena riqualificato e senza portare camion e congestione nel centro di Milano.
Questo comporterà mesi di lavori in piu' e anche un aumento dei costi, ma e' la soluzione piu sostenibile. Non e' la mia personale opinione , ma e' la posizione di un comitato che ha raccolto 2000 firme, quella dei nostri consiglieri della Zona 6 e del Coordinamento cittadino di Forza Italia. Questa posizione stata espressa sulla stampa piu volte e al Gruppo lo stesso giorno 22. Sabato 27 mattina, nel corso di un gazebo al Parco Solari abbiamo avuto conferma che e' la posizione piu' gradita ai cittadini. Questo mi pare cristallino e trasparente.
Non c'e' infine alcun "complotto" mediatico contro il capogruppo Tatarella. Semplicente io e altri azzurri non condividiamo un patto con Pisapia a un anno dalle elezioni. Se l'attuale maggioranza comprende al suo interno no expo ed exposcettici, se i bilanci sono approvati a fine anno ritardando le opere pubbliche, Forza Italia non deve fare la stampella e tirare le castagne dal fuoco agli arancioni. Noi dobbiamo fare opposizione a chi ci riempie di tasse e immigrati e prepararci alla sfida del 2016.

Fabrizio De Pasquale
Consigliere comunale Forza Italia

Tags:
mm4de pasqualezagato







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.