A- A+
Milano

E' morta all'eta' di 77 anni Adelaide Roncalli, che nel 1944, quando ne aveva solo 7, era stata al centro del caso delle apparizioni delle Ghiaie di Bonate Sopra in provincia di Bergamo. La bimba disse che la Madonna le era apparsa tredici volte. I messaggi di pace riferiti dalla bambina, in epoca di occupazione tedesca, misero in allarme le autorita' dell'epoca, che temevano una strumentalizzazione. Il fenomeno venne sottoposto a un processo diocesano, durante il quale la bimba nego' le apparizioni. Solo in seguito confesso' di essere stata costretta a rinnegare le sue affermazioni in uno "stato di violenza morale". Nel corso della sua vita successiva (trascorsa a Milano con marito e due figli) non parlo' quasi mai di parlare di quelle vicende. La Curia di Bergamo non ha mai accettato le apparizioni, ma da oltre vent'anni un folto gruppo di fedeli si raduna di fronte alla cappelletta costruita sul luogo dell'apparizione. Per molti anni il veggente piemontese Pino Casagrande disse di avere un'apparizione della Madonna in quel luogo ogni 18 del mese.

Tags:
veggentebergamo






A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.