A- A+
Milano

di Fabio Massa

Segnali deboli oppure forti? Di certo vedere insieme, dalle parti di Brescia (precisamente a Lonato) Mariastella Gelmini, Alessandro Colucci e soprattutto Flavio Tosi, per un convegno dal titolo “Primarie di coalizione”, non avrà causato grande gioia a Matteo Salvini. Alessandro Colucci, coordinatore lombardo Ncd spiega ad Affari: “Con la Lega di Salvini non ci sono le condizioni di allearsi: sono sfascisti e provocatori. Con Tosi c’è un dialogo aperto. Milano 2016? Non abbiamo paura di andare da soli”. INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Coordinatore Colucci, andiamo al punto. Esiste la possibilità di allearsi con la Lega Nord oggi?
Se la Lega di Salvini cambia atteggiamento assolutamente sì. Ma devo dire che ad oggi non ci sono le condizioni. La Lega di Salvini punta a distruggere, a sfasciare, ad aggredire in continuazione le realtà di un possibile centrodestra nuovo. Punta a far salire le quotazioni della Lega ma non del gruppo. 

E quindi?
E quindi a noi non interessa far salire la Lega, ma la coalizione. La Lega di qualche tempo fa non avrà avuto le percentuali di oggi, ma ha governato a livello nazionale, con leggi dai contenuti forti. Volete un nome? La Bossi-Fini. Ed è quella Lega che ha consentito di vincere Piemonte, Lombardia e Veneto. Perché si è fatta un’alleanza insieme sui programmi e sui contenuti. 

Invece Salvini no, mi pare di capire.
La Lega di Salvini oggi avvantaggia sicuramente Renzi. Se la Lega cambia rispetto alla deriva lepenista che sta avendo, può essere una componente importante nel centrodestra nuovo.

Vi siete trovati con la Gelmini e con Tosi a Lonato. Ipotesi di accordo?
In quell’incontro abbiamo sottolineato la capacità di governo che appartiene alla Lega di Maroni e di Tosi. 

Sareste contenti di una leadership di Tosi, quindi.
Il tema non è questo. Sabato pomeriggio, a quel convegno, abbiamo parlato delle primarie. Ci siamo detti che prima del leader bisogna scrivere contenuti condivisi. Oggi il centrodestra non c’è. Bisogna ricostruirlo sui contenuti e sui programmi. Per questo dico che una figura come quella di Salvini può essere un buon capo di partito, ma non un leader del centrodestra. 

Insisto. Meglio Tosi?
Con Tosi c’è un dialogo fluido, è un sindaco che sta amministrando bene, è una figura con la quale si sta lavorando bene. Abbiamo molti punti d’incontro: la famiglia, le imprese, l’individuo, avere una pubblica amministrazione che porta i cittadini ad essere protagonisti e non sudditi.

Intanto su Milano pare si stia verificando la politica dei due forni. Da una parte vorreste governare con Pisapia la città metropolitana…
Calma, non confondiamo. Non sfugge a nessuno che Pisapia è sindaco della città metropolitana per legge, non per diritto acquisito nelle urne. Quindi la nostra disponibilità a lavorare insieme nasce dal fatto che esiste una fase particolare. Non c’è un’intesa politica ma una proposta costituente. Quella disponibilità non è stata e non sarà mai un avvicinarsi alle posizioni di Pisapia. 

E sulla città di Milano?
Per la città di Milano abbiamo una figura importante: Maurizio Lupi. E’ stato un grande amministratore della città. Basti pensare che le parti più nuove e più moderne nascono dall’idea di Maurizio Lupi quando era assessore. Sta facendo molto bene anche il ministro. E’ una carta vincente. E’ chiaro che lo può essere non solo per NCD ma per tutto il centrodestra. Di questo ancora non abbiamo parlato, ma la nostra candidatura forte c’è. 

Spesso la Lega Nord dice che non è un problema per loro andare da soli. Lo sarebbe per voi?
Noi siamo pronti ad andare da soli. Gli esempio ci sono: ad esempio in Veneto. La forza e il coraggio di Ncd stanno nel fatto che se non ci sono le condizioni programmatiche, noi non siamo costretti a far nulla. Noi dobbiamo assolutamente rispettare i nostri valori e i nostri ideali. In base a questo se la risultante finale è di andare da soli, andremo da soli. Certo che il nostro obiettivo, avendo delle buone idee è quello di voler vincere le elezioni, e non di perderle.

@FabioAMassa

Tags:
ncdcoluccimilano







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.