A- A+
Milano
'Ndrangheta/Processo Zambetti, Formigoni "tradito" da foto del 1989

In aula, durante la sua deposizione, Roberto Formigoni ha assicurato ai giudici di avere conosciuto Domenico Zambetti "quando si era candidato alle elezioni regionali del 2005". Ma una fotografia, mostrata alle telecamere dal legale dell'imputato, Giuseppe Ezio Cusumano, dimostrerebbe che i due si conobbero sul palco di un comizio nel 1989. L'ex Governatore della Lombardia e' stata chiamato a testimoniare nel processo a carico dell'ex assessore alla Casa lombardo accusato di voto di scambio con la 'ndrangheta. Cusumano ha affermato che valuterà "se chiedere ai giudici di acquisire la foto".

"Dipende quale significato si voglia attribuire al verbo 'conoscere'. Se si tratta di un veloce sguardo, di una veloce stretta di mano o magari anche della partecipazione a una iniziativa elettorale, allora ha ragione la difesa di Zambetti. Ma non e' questo il significato che io attribuisco alla parola 'conoscere', e mi sembra che i dizionari della lingua italiana diano piuttosto ragione a me". Cosi' Roberto Formigoni, replica all'avvocato dell'ex assessore regionale Domenico Zambetti accusato di voto di scambio con la 'ndrangheta. In una nota, Formigoni ha sottolineato: "Nel 1989 ero impegnato in una campagna elettorale per il parlamento europeo nella quale mi conquistai oltre mezzo milione di voti di preferenza. E' evidente che per ottenere questo risultato ho partecipato a centinaia di iniziative, presenziato a convegni, manifestazioni, incontri, mi sono state scattate decine di migliaia di fotografie, ho stretto decine di migliaia di mani, avvicinato decine e decine di migliaia di persone, tra cui Domenico Zambetti. Ma non posso dire di averle veramente conosciute. Per questo ho sostenuto che una conoscenza vera, e sottolineo vera, di Zambetti comincia solo nel 2005 quando lui entra in giunta".

"Decisi di confermare le deleghe a Domenico Zambetti - ha detto in tribunale Formigoni, che inseri' Zambetti nella sua 'squadra' al Pirellone - anche grazie alle rassicurazioni ricevute dall'ex ministro Gianfranco Rotondi sulla correttezza del suo operato. Rotondi mi disse 'Tu conosci Zambetti da pochi anni, io da 30 anni, voglio rassicurarti sulla sua assoluta correttezza'". Formigoni ha confermato che, dopo la vittoria alle elezioni Regionali del 2010 e l'affidamento a Zambetti delle deleghe da assessore, ricevette "segnalazioni" su una "campagna elettorale" del politico "particolarmente dispendiosa, con parecchie cene elettorali".

"Le voci su Zambetti mi disturbavano - ha spiegato il senatore di Ncd - anche perche' nel 2010 eravamo attraversati da vicende che mi consigliavano di esasperare la mia attenzione alla formazione della Giunta, che doveva essere irreprensibile". Le "voci", secondo l'interpretazione di Formigoni, provenivano da "concorrenti elettorali" dell'imputato. Di fronte ai suoi "dubbi" sulla posizione di Zambetti, ebbe un ruolo nella decisione di confermare le deleghe un incontro con l'ex ministro Rotondi, che "faceva parte della stessa componente" dell'ex assessore. "Zambetti mi garanti' piu' volte di essere innocente ed estraneo a ogni inchiesta - ha concluso -, nessuno mi aveva mai parlato di suoi legami con luoghi o persone sospette". La prossima udienza del processo e' stata fissata all'8 aprile.

 

Tags:
domenico zambettiroberto formigonigiuseppe ezio cusumanogianfranco rotondi







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.