A- A+
Milano
Non è un Paese per vecchi: Pirovano (SxM) e Lipparini (Radicali)
Anita Pirovano e Lorenzo Lipparini

E’ un Paese per vecchi oppure no, questa Milano? A vederla, si direbbe una città in risveglio. Ma la politica? Ancora ancorata a vecchie logiche? E come vivono la candidatura e la città quei candidati nati tra il 1980 e il 1995? Affaritaliani.it lo ha chiesto a dieci di loro. Dopo Pierfrancesco Maran (QUI), e Pietro Tatarella (QUI), poi a Giacomo Marossi (QUI). In un’altra puntata il “trio” dem Barberis, Turco e Nahum (QUI). Ieri è stata la volta di Silvia Sardone e Simone Paleari (ENTRAMBI QUI).

Nella penultima puntata, Lorenzo Lipparini e Anita Pirovano.

Lorenzo Lipparini è nato il 2 gennaio 1982, milanese da sempre, è candidato con i Radicali, dei quali è stato prima segretario e poi tesoriere. Anita Pirovano invece è del 6 agosto 1982 ed è la segretaria di Sel a Milano, al centro di una fase delicatissima di passaggio per il partito. E’ candidata con SinistraXMilano. E’ la mamma di Viola. Ecco come hanno risposto alle domande di Affaritaliani.it

-1- Che cosa hanno in meno i giovani rispetto agli “esperti” nella politica di oggi?

LIPPARINI: Partiamo dalla constatazione che i giovani, come categoria, non esistono. In politica ce n’è di nostalgici della prima repubblica, di professorali, o di quelli che si credono il nuovo che avanza. Se durano, si rendono conto dopo qualche tempo di quanto fossero velleitari.

PIROVANO: Meno abitudine alla sconfitte e minor attitudine a rispondere alle nuove sfide dicendo: “impossibile, non si può fare”.

-2- Due cose che differenziano i candidati giovani da quelli più navigati.

LIPPARINI: Usano di più i social network e quando organizzano un aperitivo elettorale non ci mettono solo cocacola e noccioline

PIROVANO: L’aver vissuto come esperienza politica fondativa il laboratorio politico di Pisapia miglior sindaco di Italia e qualche benefit in meno.

-3- Dove vai a festeggiare se vinci?

LIPPARINI: In piazza Duomo, quando si vince un campionato si va la. Poi a finire serata ad Ostello Bello

PIROVANO: Porto mia figlia Viola a vedere il mare per la prima volta. E ci vado anche in caso di sconfitta.

-4- Agli amici come fai a spiegare che… “faccio il politico?”

LIPPARINI: Solo un folle al giorno d’oggi rivendicherebbe un ruolo visto con insofferenza dall’80% dei cittadini. Ma i Radicali non hanno, come gli altri, un apparato di funzionari, la nostra casa è da sempre per strada e tra gli ultimi, a raccogliere firme per grandi battaglie civili. Chi ci conosce lo sa, a partire dagli amici ai quali da anni faccio una testa così su battaglie sempre nuove.

PIROVANO: I miei amici mi supportano perché vedono quanto Milano è migliorata in questi cinque anni e mi sopportano per l’assenteismo durante le campagne elettorali.

-5- Come fai a spiegare alla fidanzata/o che non puoi uscire a cena perché hai il bilancio?

LIPPARINI: La mia compagna mi chiama se non mi vede tornare a casa quando c’è qualche iniziativa. Corro per fare presto, ma è una santa.

PIROVANO: Più che altro si tratta di “bilanciare” gli impegni politici miei con i suoi.

-6- Ti piace il Parco della Vetra recintato?

LIPPARINI: Visivamente no, ma dobbiamo ammettere che la situazione dei parchi che prima erano in abbandono è molto migliorata

PIROVANO: Per nulla, mi piace la politica che costruisce ponti e che abbatte i recinti: quelli nei parchi e quelli nella testa delle persone.

-7- Sei mai andato in un parco di Milano a farti una canna?

LIPPARINI: Solo nella bella stagione

PIROVANO: Sono cresciuta in Brianza…

-8- Ti piacciono i graffiti? Che cosa ne pensi dei writer?

LIPPARINI: Ho attraversato questa fase ai tempi del liceo ma non mi sono mai calato in questa cultura. Adoro i nuovi murales inaugurati sulle alzate della ferrovia o sulle cabine elettriche di a2a, ma mi incazzo quando vedo i mezzi pubblici pieni di scritte e di vetri graffiati

PIROVANO: La street art la leggeremo nei manuali di storia dell’arte nel futuro prossimo e nel presente rende più bella la città.

-9- Vivi da solo o coi tuoi?

LIPPARINI: Convivo da diversi anni e per settembre è in arrivo una bambina

PIROVANO: Col mio compagno e da tre mesi anche con la piccola Viola 

-10- Fare il consigliere comunale è una pratica praticamente gratuita, se vieni eletto come guadagnerai abbastanza per vivere? Chiederai a mamma e papà?

LIPPARINI: Il Consigliere comunale non è un lavoro, viene riconosciuto solo un gettone di presenza per le riunioni, che sono il pomeriggio o la sera. Credo che sia giusto continuare a lavorare, conciliando i due impegni.

PIROVANO: Da più di 10 anni non chiedo soldi ai genitori e spero di continuare la mia collaborazione in università e di iniziarne altre. Continuerò ad essere povera ma felice di quel che faccio.

-11- Rispetto ai colleghi più anziani della tua parte politica, su cosa non sei d’accordo con loro? E se sei d’accordo su tutto: allora non conviene votare il più vecchio - che rispetto a te è più esperto?

LIPPARINI: Marco Pannella, anche quando era il più vecchio, è sempre stato di gran lunga il più giovanile, rivoluzionario e anticonformista di quanti avevano meno anni di lui. I Radicali comunque hanno sempre puntato sui più giovani nel ruolo di segretari e tesorieri.

PIROVANO: Penso che i diritti civili non siano meno di “sinistra” rispetto a quelli sociali e che la battaglia per il reddito minimo garantito sia l’unica via per contrastare la precarietà.

-12- A Milano i bar chiudono alle 2. Una cosa che non succede a Parigi, Berlino, New York e nemmeno più a Londra. Che senso ha questo divieto - che limita nei fatti un’attività commerciale?

LIPPARINI: Siamo soffocati dalle regole assurde, non solo i bar. Si sommano quelle della regione, del comune, dello stato. Chi prova ad organizzare un concerto, ad aprire un b&b, a gestire una piccola attività lo scopre in fretta che non è un paese per chi si dà fa fare. Bisogna semplificare molto, ridurre le tasse, ed essere liberi di fare gli orari che si vuole.

PIROVANO: Una città viva e vivace anche di notte è una città più accogliente e sicura. Dopo di che bisogna conciliare il diritto al tempo libero con la tutela di chi lavora la notte. E chi vuole dormire…

-13- Test di milanesità: sei mai stato all’ossario di San Bernardino? E alla chiesa di San Satiro? E nella cripta di piazza San Sepolcro? E nella chiesa di Sant’Anastasio?

LIPPARINI: A San Bernardino sono sempre andato prima dei momenti importanti, e se intendi Santa Maria presso San Satiro ci ho portato diversi amici in visita a Milano. Le altre due mai.

PIROVANO: In 3 su 4 e non vedo l’ora di visitare la nuova Moschea di Milano.

(NDR: Il divieto sulle 2 di notte e la chiesa di Sant’Anastasio… non esistono!)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
anita pirovanosinistra per milanolorenzo lippariniradicali






A2A
A2A
i blog di affari
Ddl Zan, e se un ragazzo dicesse di essere un coccodrillo?
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.