A- A+
Milano

 

rodin

Da domani al 26 gennaio 2014, nella monumentale Sala delle Cariatidi, al piano nobile di Palazzo Reale, sarà allestita "Rodin. Il marmo, la vita", la grande mostra dedicata ai marmi di Auguste Rodin (Parigi 1840 - Meudon 1917), l'artista che insieme a Michelangelo è considerato uno dei più grandi rivoluzionari della tradizione plastica moderna. Promossa e prodotta dal Comune di Milano -- Cultura, Palazzo Reale, Musáe Rodin di Parigi, Civita e Electa, in collaborazione con il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, l'esposizione è curata da Aline Magnien, conservatore capo del patrimonio del Musáe Rodin di Parigi, in collaborazione con Flavio Arensi. La rassegna presenta un corpus di 62 opere, che costituiscono la più completa rassegna mai allestita sui marmi di Auguste Rodin. "Il Comune di Milano è felice di offrire ai visitatori di questa mostra l'occasione preziosa e rara di un confronto diretto, quasi contestuale, tra le opere di Rodin e la figura e l'arte di Michelangelo -- ha dichiarato in proposito l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno -- Non esiste infatti testo scientifico sulla vita e l'opera di Auguste Rodin che non faccia un riferimento, almeno fugace, alla Pietà Rondanini di Michelangelo, che nella storia dell'arte costituisce forse la più emblematica rappresentazione del "non finito", cifra importante della rivoluzione linguistica della scultura moderna operata da Rodin. Ma nel Museo d'Arte Antica al Castello, proprio davanti alla Pietà, è esposta anche un'altra opera che ha forti legami con l'arte di Rodin: una maschera in bronzo di Michelangelo eseguita dall'allievo Daniele da Volterra. L'eco di quest'opera, difatti, echeggia nella versione definitiva dell''Uomo dal naso rotto'. Un legame forte, dunque, quello tra questa mostra e le collezioni d'arte milanesi - ha concluso l'assessore - che abbiamo voluto saldare invitando i visitatori di Rodin a visitare il Museo d'Arte Antica, e viceversa, con un biglietto speciale e scontato". Presentando il biglietto di "Rodin. Il marmo, la vita" alla biglietteria del Castello Sforzesco, infatti, si potrà visitare con tariffa ridotta (1,50) il Museo d'Arte Antica, dove è conservata la Pietà Rondanini di Michelangelo. Allo stesso modo, chiunque si presenterà a Palazzo Reale col biglietto del Museo d'Arte Antica potrà visitare l'esposizione a tariffa ridotta (9,50 con audioguida). L'illusione della carne e della sensualità è il tema intorno a cui si sviluppa la prima sezione, nella quale sono raccolte alcune opere giovanili, di stampo classico, fra cui il celeberrimo "Homme au nez cassá", rifiutato dal Salon parigino del 1864, un ritratto omaggio al grande genio Michelangelo. Al vertice di questa sezione sarà "Il Bacio", la scultura che rappresenta due amanti e fece scalpore nella Francia di fine Ottocento. La seconda sezione propone alcune fra le sculture più conosciute di Rodin e dimostra la piena maturità del maestro anche dal punto di vista della capacità di elaborazione delle figure che emergono dai candidi blocchi di pietra. Accanto a ritratti di grande intensità, come il busto dedicato alla compagna di una vita Rose Beuret, si alternano richiami all'eros e alla disinibita ricerca formale ed estetica del maestro, manifestando la sua necessità di tentare nuovi percorsi scultorei. La poetica dell'incompiuto caratterizza la terza sezione dove si rappresenta il trionfo del "non finito", l'artificio linguistico che rimanda immediatamente a Michelangelo e che Rodin svolge in una chiave di assoluta modernità, poi ampiamente assunta dai suoi colleghi. Qui sono ordinati alcuni fra i più bei ritratti eseguiti dall'artista, fra i quali quello a Victor Hugo. La mostra si avvale di un'attività di ricerca svolta dal Musáe Rodin, che ha condotto un'ampia analisi storica e critica sulla bottega artistica del genio francese e le sue metodologie di elaborazione della pietra. Da alcuni anni il Musáe Rodin si è infatti impegnato a ristudiare la produzione marmorea di Rodin arrivando a individuare, dove possibile, anche i singoli collaboratori che hanno lavorato ai blocchi di marmo, indicazione che si trova su tutte le didascalie in mostra. Lo straordinario allestimento è stato progettato dallo studio internazionale Bureau des másarchitectures -- Didier Faustino, per ricreare l'idea dell'atálier in cui Rodin produceva i suoi capolavori, insieme ai suoi assistenti, e per creare un dialogo forte con lo spazio architettonico della Sala delle Cariatidi. Anche grazie alle luci di Giambattista Buongiorno, i marmi bianchi di Rodin prenderanno vita in un contesto suggestivo e sorprendente, che consentirà ai visitatori di approfondire tutti i temi che hanno caratterizzano la sua produzione plastica. Tutti i visitatori avranno a disposizione gratuitamente un'audioguida che li accompagnerà lungo il percorso di mostra con informazioni, racconti e letture che renderanno la visita ancora più completa e avvincente. Alle scuole sarà proposta un'offerta didattica coinvolgente e arricchita da materiali e testi. Dopo l'appuntamento milanese, la mostra proseguirà il suo percorso a Roma, dove sarà allestita nello spazio monumentale delle grandi Aule delle Terme di Diocleziano.

Tags:
palazzo reale







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.