A- A+
Milano
pisapia

"Il ministro Bray verra' in settimana a Milano e ne discuteremo". Lo ha detto il sindaco e presidente della Scala Giuliano Pisapia, lasciando il teatro dopo il consiglio di amministrazione della Fondazione, interpellato riguardo alla legge Valore Cultura. "Ci confronteremo, ma mi sembra che tutti abbiano capito - ha detto il sindaco - che la peculiarita' della Scala e del Piccolo non possano essere considerate in un ambito piu' generale di altre istituzioni che sono in una situazione di crisi economica. Ne' il piccolo ne' la Scala sono in crisi economica e tantomeno artistica, e quindi credo che troveremo insieme la soluzione".

Un "pareggio di bilancio realmente vicino" per la Scala. Lo ha detto il sindaco e presidente della Fondazione Giuliano Pisapia, lasciando il Piermarini dopo la riunione del cda. Un consiglio di amministrazione "molto costruttivo, molto positivo. Mi sembra - ha detto Pisapia - che da un esame economico finanziario del bilancio della Scala potremo dare fra breve valutazione estremamente positiva. Chiaramente oggi non c'era l'approvazione del bilancio, era l'esame, e sono emerse situazioni molto positive. Quindi credo che il pareggio di bilancio sia realmente vicino".

PEREIRA - "Non ho visto nessuna crisi in questo consiglio di amministrazione. Io avevo solamente un punto da discutere, quello dell'Expo e della pianificazione che Lissner e io dobbiamo fare per Expo. Abbiamo discusso di questo per un'ora". Lo ha detto Alexander Pereira, futuro sovrintendente della Scala, lasciando il Piermarini dopo aver partecipato al consiglio di amministrazione della Fondazione. Per la riunione del cda di oggi "il resto dell'agenda si concentra sugli anni 2013-2014 e non su quello che io devo programmare", ha spiegato Pereira rispondendo ai giornalisti sulla riunione di oggi, e quanto al bilancio del teatro "io non entro in questa discussione. La sola ragione per cui ero al cda era discutere su quello che si fa all'Expo". Alla domanda se per l'Expo ci sara' il nuovo direttore musicale "speriamo", ha risposto.

DE CORATO - "Nella gravitÖ della situazione del Teatro alla Scala colpiscono le critiche al Sindaco Pisapia da parte del sovrintendente del Regio di Torino Walter Vergnano oggi a Milano per un convegno della Cgil. Adesso ß tardi, si doveva intervenire prima, quando il Dl Cultura era in fase di perfezionamento. Il fatto che la Scala fosse assente alla riunione del ministro Bray con tutti i sovrintendenti e che il Sindaco non abbia partecipato all'incontro con i presidenti delle fondazioni viene visto come un segnale negativo di indifferenza sia verso il destino della Scala sia verso l'impegno di definire una strategia comune per ottenere più attenzione dal Governo. Il decreto si poteva correggere? Un'azione più strutturata avrebbe consentito di prevenire il dramma odierno della Scala coså come del Piccolo Teatro? Fatto sta che Milano viene additata come la grande assente. Non stiamo parlando di questioni di poco conto. Mi domando se a Roma si rendono conto di quello che significa la Scala per Milano e per l'Italia in termini di visibilitÖ, di prestigio, di ritorno economico. E' necessario definire iniziative che abbiano una risonanza anche oltre i confini nazionali. Il giorno di Sant'Ambrogio sarÖ una prima della Scala sui generis: chiediamo ai milanesi una grande mobilitazione, vengano a protestare davanti alla Scala per far capire in mondovisione che la cittÖ ß vicina al suo teatro e non intende retrocedere. E se per allora le cose non saranno cambiate si faccia a meno di invitare alla prima i ministri di un Governo che si ß reso responsabile di scelte deleterie per Milano, oltretutto a due anni dallo svolgimento di Expo." Coså Riccardo De Corato, Vice-Presidente del Consiglio comunale di Fratelli d'Italia, ß intervenuto in Consiglio Comunale sulle difficoltÖ del Teatro alla Scala in seguito ai provvedimenti del Governo e alla riunione del cda della Scala.

Tags:
braycda scalapisapia







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.