A- A+
Milano
Povera Lombardia: si spende di più per comprare di meno

Aumento contenuto per il carrello della spesa delle famiglie lombarde: si registra, infatti, l'1,2% in più rispetto allo scorso anno. In pratica, a parità di carrello, si tratta di circa 28 Euro in meno nelle tasche delle famiglie lombarde. Sei mesi fa l'aumento si attestava a +2,6%. Il risparmio è soprattutto alla cassa, se si sta attenti ai prodotti acquistati. Setacciando, infatti, le offerte si può risparmiare dal 20% al 36% mentre il ricorso alle promozioni nella grande distribuzione si mantiene intorno ai massimi storici, vale a dire il 30% dei prodotti venduti. Rincari in Lombardia anche per il costo dei servizi: le consumazioni al bar costano in media l'1,3% in più rispetto allo scorso anno, mentre un pranzo in pizzeria costa meno di 10 euro (+0,8% in un anno). Sono alcuni dei dati che emergono dalla Rilevazione dei prezzi di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia realizzata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza con il coordinamento scientifico di REF Ricerche, presentata oggi presso la sede della Camera di commercio di Monza e Brianza. A Monza la variazione dei prezzi dei beni a largo consumo registrata rispetto allo scorso anno è leggermente più alta di quella regionale (+1,4% contro +1,2%). I rincari significano, a parità di carrello, 31 Euro in meno nelle tasche delle famiglie monzesi in un anno. Aumenta il prezzo della maggioranza dei generi alimentari, in particolare il tonno in olio d'oliva (+5,6%), l'olio extra vergine di oliva (4,5%), la pasta di semola di grano duro (+3,4%), il burro (+3,1%), le merende confezionate (+3,2%). Diminuiscono yogurt (-2,5%) e mozzarella (-2,0%) e tra i prodotti per l'igiene della persona cala il prezzo di dentifricio (-4,7% in un anno) e shampoo (-2,8%). Bergamo è la città più economica della Lombardia per il carrello della spesa (-6,7% rispetto alla media lombarda), seguono Como, Mantova, Cremona e Lodi. Milano e Varese le più care (rispettivamente +8,5% e +8,4% rispetto alla media regionale). Nell'ultimo anno, i prezzi degli alimentari crescono di più a Varese (+4,5%) e a Lecco (+3,6%), leggermente sopra la media lombarda anche Milano (+2,2%) e Monza (+1,4%). Bergamo è l'unica città in cui diminuiscono i prezzi (-0,5%). I prezzi dei servizi a Monza e in Lombardia I prezzi dei servizi al bar in un anno diminuiscono a Monza dello -0,4%, in controtendenza rispetto all'aumento del +1,3% in Lombardia. A Monza si abbassano anche i prezzi per un'uscita in pizzeria (in un anno -1,6%, contro +0,8% lombardo) e i prezzi dei servizi alla persona: andare dal parrucchiere per un uomo costa rispetto ad un anno fa l'8% in meno, per una donna il 6,8% in meno (in Lombardia rispettivamente +0,3% e +0,8%). Fare colazione al bar in Lombardia costa in media 2,34 euro: a Cremona è più cara (2,44 Euro), a Brescia, Pavia e Milano più economica (2,26 e 2,27 Euro). Sotto la media lombarda anche Monza (2,31 euro). La pizza costa mediamente 9,64 Euro. Il pranzo in pizzeria costa di più a Pavia (11,21 Euro), di meno a Brescia (8,06 Euro).

Tags:
lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.