A- A+
Milano
Precari Province, occupazione a oltranza. Ora la palla passa al ministro Madia

 

"In questo momento inizia l'incontro con il Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca e alle 13 è previsto l'incontro a Roma di una delegazione sindacale con il ministro Madia, nel frattempo l'occhio azione prosegue a oltranza". Questo il punto della situazione da parte di Giuliano Maggioni, responsabile Cgil Provincia di Milano a 24 ore dall'inizio dell'occupazione e della Sala del Consiglio Metropolitano da parte dei lavoratori precari della ex Provincia.

"Sono 60 i precari a rischio perché - prosegue Maggioni - se non ci saranno proroghe scadono a fine anno e vanno a casa. Nel maxi decreto votato al senato non sono previste proroghe. Altro problema - aggiunge il sindacalista - riguarda il personale della Provincia di Milano in esubero, destinato ad una lenta agonia".

Nella sola ex Provincia Milano sono infatti 500 gli esuberi rispetto ai 1680 dipendenti (il 30% dell'organico). Questi dipendenti sarebbero garantiti fino al 2017 potendo usufruire di una precedenza per l'ingresso in altri enti pubblici, sempre però che ci sia necessità di coprire vuoti in organico e i profili corrispondano al bisogno.

"Una situazione molto ingarbugliata - conclude Maggioni - che preoccupa anche perché dopo il 2017 lo stipendio scende all'80 per cento senza incentivi e solo per due anni, passati i quali tutti a casa. Di Delrio non ci fidiamo più el 'occupazione continua".

Tags:
precarimadiaprovinciaoccupazione







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.