A- A+
Milano
Dimesso dall'ospedale il bimbo nato da donna in morte cerebrale

Pesa 2,6 chilogrammi e sta bene il bambino nato da una donna incinta arrivata al San Raffaele il 21 ottobre scorso in condizioni di morte cerebrale. Lo conferma la struttura sanitaria, da dove il piccolo è stato finalmente dimesso. Le sue condizioni rientrano in un "quadro di normalità" per un bimbo prematuro. La donna era arrivata al San Raffaele alla 23a settimana di gestazione, i medici l'hanno tenuta in vita e monitorata costantemente, per prolungare il più possibile la gravidanza e per tentare di far nascere il bimbo nei termini di una gravidanza normale. «Gli organi della donna e il feto - spiega la struttura - sono stati monitorati e protetti per due mesi dalle possibili complicanze nel reparto di Neurorianimazione, diretto da Luigi Beretta. Per decisione collegiale di tutti gli specialisti coinvolti, è stato effettuato il parto con taglio cesareo dall'equipe di Massimo Candiani alla trentaduesima settimana". Il bimbo pesava alla nascita 1,800 chilogrammi e la degenza è stata priva di complicazioni.
 

Tags:
san raffaelenascita prematura







A2A
A2A
i blog di affari
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano
Mercato del vino: dai corsi sommelier alle vendite l'Italia primeggia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.