A- A+
Milano
Primario del Fatebenefratelli salta 145 giorni di lavoro: indagato per truffa

Direttore di un'unità operativa del Fatebenefratelli, nel 2013 avrebbe saltato sistematicamente ore e a volte intere giornate di lavoro, timbrando il cartellino di presenza per poi allontanarsi dall'ospedale, oppure facendoselo timbrare da una collega dello stesso reparto, o autocertificando in sostituzione della timbratura di ingresso e di uscita che si trovava al lavoro, malgrado non fosse vero. E per stare a casa 145 giorni in un solo anno, ha ricevuto ingiustamente dall'azienda ospedaliera oltre 30mila euro di stipendio. Ora però per il primario assenteista è arrivata la resa dei conti con la giustizia. All'esito di un'indagine congiunta dei carabinieri del nucleo investigativo e della squadra mobile, è stato accusato di truffa ai danni dell'azienda ospedaliera in concorso con la collega che lo copriva e il pubblico ministero Paolo Filippini ha notificato ai due indagati l'avviso di conclusione dell'inchiesta che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio.

Nel capo di imputazione si legge che "con piu azioni esecutive del medesimo disegno criminoso", in concorso con un "medico dello stesso reparto", il primario ha conseguito "senza aver svolto attività lavorativa, l'ingiusto profitto di euro 30.327,75, relativamente al periodo gennaio-dicembre 2013, con pari danno per l'amministrazione pubblica, azienda ospedaliera Fatebenefratelli, di cui è dipendente", il tutto "mediante artifizi e raggiri". In particolare, per 63 volte elencate nel dettaglio negli atti di indagine, tra l'11 gennaio e il 16 dicembre 2013 il medico si è fatto timbrare dalla collega "la scheda magnetica che ne attestava la presenza, nonostante non fosse presente sul posto di lavoro". Per altre 66 tra il 4 gennaio e il 10 ottobre dello stesso anno ha autocertificato, "in sostituzione della timbratura d'ingresso o di uscita dal luogo di lavoro, la sua presenza presso la struttura ospedaliera contrariamente al vero". E per altre 16 dal 12 febbraio al 16 dicembre sempre 2013 ha attestato "tramite timbratura, contrariamente al vero, di essere presente presso la struttura ospedaliera", quando in realtà "non risulta che la persona sia giunta al Fatebenefratelli".

Il fascicolo appena chiuso da Filippini è uno di quelli finiti agli atti del procedimento davanti al Csm sullo scontro tra il procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati e il procuratore aggiunto Alfredo Robledo per l'apparente duplicazione della stessa inchiesta tra polizia e carabinieri come però spesso avviene quando una notizia di reato viene segnalata con un esposto anonimo a differenti forze dell'ordine e a differenti dipartimenti della procura, in questo caso quello dei reati contro la pubblica amministrazione guidato da Robledo e la sezione definizione affari semplici guidata da Riccardo Targetti. Una volta scoperta la doppia indagine, squadra mobile e nucleo investigativo hanno lavorato insieme, con il coordinamento di Filippini.

Tags:
fatebenefratelli







A2A
A2A
i blog di affari
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.