A- A+
Milano
Pugni in faccia in mezzo alla strada, il gioco choc arriva a Milano

Il temuto Knockout Game, importato dagli Stati Uniti, è arrivato anche in Italia. A Milano, una ragazza di 30anni è stata picchiata senza motivo in piazzale Loreto. La giovane ha il setto nasale frantumato a causa di un colpo secco in volto senza motivo e non a scopo di rapina, solo un folle divertimento Ma il fenomeno sta facendo il giro della penisola: si sono registrati casi a Roma, nella centralissima Piazza Trilussa, dove c'è una vera e propria baby-gang specializzata in 'Knockout Game'. Altri episodi si sono verificati nel Nord Italia, in Veneto.

Ma anche in Lombardia, e nel sud, a Napoli, Palermo, Lecce, dove molte persone hanno denunciato di aver preso botte all'improvviso, da sconosciuti, mentre camminavano per strada. A Roma sono stati segnalati diversi episodi, in particolar modo a Trastevere, dove la rissa è sfociata nel rogo di ben 5 motorini.

A Brescia una banda di 4 ragazzi ha picchiato a freddo due clienti di mezza età seduti al tavolino di un bar del centro. Successivamente i quattro hanno rincarato la dose in una trattoria, dove però hanno trovato pane per i loro denti: un ex rugbista non molto d’accordo a farsi picchiare da un gruppo di adolescenti. Un altro caso eclatante a Venezia, all’uscita del centro commerciale La Piazza di Favaro Veneto, dove in due giorni si sono registrate due aggressioni.

Tags:
pugnimilano






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.