BANNER

Presentato il 23esimo rapporto sulla qualita'della vita cittadina di Megliomilano, societa' no profit fondata da Confcommercio, Camera di commercio e Automobile club Milano. L'edizione 2013, relativa ai dati 2012, analizza 200 indicatori dividendoli in 4 macroaree (Ambientale, Sociale, Economica e Civile) e ottenendo un Indicatore generale della qualita'della vita che per quest'anno e'di 0,4. Osservando la composizione di questo dato, pero', si nota come sia la macroarea Ambiente (+5,6) a trascinare le altre tre, tutte negative o stagnanti. Il comparto ottiene il miglior risultato di tutta la serie storica, spinto in alto soprattutto da un forte miglioramento delle sottoaree salute e ambiente, conseguenza di una diminuzione degli sforamenti da biossido di azoto, pm10 e benzene, e un calo di ricoveri e mortalita' infantile sul versante sanitario.

Per quel che riguarda gli altri comparti, il risultato peggiore e'quello del civile, -2,3, con un forte calo delle aree cultura e servizi. Negativa anche la macroarea economica, con un calo generalizzato di ore di cassa integrazione, contratti di collaborazione, un forte peggioramento dei dati di disoccupazione (+10% in un anno quella giovanile). Crescono invece le ditte con personale straniero. Segno positivo (+0,9) per l'area sociale, con un miglioramento delle aree abitative e del disagio, trattenute da un peggioramento dal settore sicurezza, con un aumento del numero di truffe, rapine e dei reati contro il patrimonio. "Nel complesso una buona tenuta con riguardo alla crisi", commenta il presidente del comitato tecnico di MeglioMilano Roberto Camagni. "Le possibilita' di miglioramento ci sono, e sono tre", prosegue Camagni: "Il passaggio all'area metropolitana, Expo 2015 e un miglior sfruttamento delle risorse europee". Positivo il commento ai dati del Vicesindaco Ada Lucia De Cesaris, intervenuta alla presentazione in sostituzione del Sindaco assente: "i dati sulla macroarea ambientale e il successo di realta' come Car2Go, che ha impattato positivamente su mobilita' e ambiente, mostrano che siamo sulla strada giusta".

"Dal punto di vista dell'economia, dobbiamo puntare assolutamente su Expo", prosegue De Cesaris: "Come rilancio, per le strutture che lascera', ma anche come rete di relazioni che restera'in piedi dopo l'evento". Il vicesindaco e'invece critico con le politiche economiche del governo centrale: "I tagli agli enti locali sono una roba enorme, ingestibile se si pensa a cosa si faceva prima. Senza una politica nazionale di rilancio delle imprese, del lavoro e fiscale sara' difficile vedere una ripresa". Per quel che riguarda l'utilizzo dei fondi comunitari, che per l'esercizio 2014-2020 hanno riservato una delega del 5% dei fondi alle 20 più grandi citta', De Cesaris e'd'accordo con l'analisi di MeglioMilano e del professor Camagni: "Serve una gestione intelligente". In ultimo, sulla questione dell'emergenza abitativa e dell'allontanamento di domanda e offerta, il vicesindaco conclude: "Serve un patto tra amministrazione e tutta la cittadinanza, con una riduzione delle aspettative economiche e anche piani di recupero dell'esistente e di riconversione del vuoto. Solo cosi' ci sara' un rilancio del settore".

2013-11-19T14:30:51.493+01:002013-11-19T14:30:00+01:00truetrue1546116falsefalse87Milano/milano4130808915462013-11-19T14:30:51.557+01:0015462013-11-19T14:50:09.547+01:000/milano/qualit-dell-aria-milano-migliora191113false2013-11-19T14:39:17.42+01:00308089it-IT102013-11-19T14:30:00"] }
A- A+
Milano

 

 



BANNER

Presentato il 23esimo rapporto sulla qualita'della vita cittadina di Megliomilano, societa' no profit fondata da Confcommercio, Camera di commercio e Automobile club Milano. L'edizione 2013, relativa ai dati 2012, analizza 200 indicatori dividendoli in 4 macroaree (Ambientale, Sociale, Economica e Civile) e ottenendo un Indicatore generale della qualita'della vita che per quest'anno e'di 0,4. Osservando la composizione di questo dato, pero', si nota come sia la macroarea Ambiente (+5,6) a trascinare le altre tre, tutte negative o stagnanti. Il comparto ottiene il miglior risultato di tutta la serie storica, spinto in alto soprattutto da un forte miglioramento delle sottoaree salute e ambiente, conseguenza di una diminuzione degli sforamenti da biossido di azoto, pm10 e benzene, e un calo di ricoveri e mortalita' infantile sul versante sanitario.

Per quel che riguarda gli altri comparti, il risultato peggiore e'quello del civile, -2,3, con un forte calo delle aree cultura e servizi. Negativa anche la macroarea economica, con un calo generalizzato di ore di cassa integrazione, contratti di collaborazione, un forte peggioramento dei dati di disoccupazione (+10% in un anno quella giovanile). Crescono invece le ditte con personale straniero. Segno positivo (+0,9) per l'area sociale, con un miglioramento delle aree abitative e del disagio, trattenute da un peggioramento dal settore sicurezza, con un aumento del numero di truffe, rapine e dei reati contro il patrimonio. "Nel complesso una buona tenuta con riguardo alla crisi", commenta il presidente del comitato tecnico di MeglioMilano Roberto Camagni. "Le possibilita' di miglioramento ci sono, e sono tre", prosegue Camagni: "Il passaggio all'area metropolitana, Expo 2015 e un miglior sfruttamento delle risorse europee". Positivo il commento ai dati del Vicesindaco Ada Lucia De Cesaris, intervenuta alla presentazione in sostituzione del Sindaco assente: "i dati sulla macroarea ambientale e il successo di realta' come Car2Go, che ha impattato positivamente su mobilita' e ambiente, mostrano che siamo sulla strada giusta".

"Dal punto di vista dell'economia, dobbiamo puntare assolutamente su Expo", prosegue De Cesaris: "Come rilancio, per le strutture che lascera', ma anche come rete di relazioni che restera'in piedi dopo l'evento". Il vicesindaco e'invece critico con le politiche economiche del governo centrale: "I tagli agli enti locali sono una roba enorme, ingestibile se si pensa a cosa si faceva prima. Senza una politica nazionale di rilancio delle imprese, del lavoro e fiscale sara' difficile vedere una ripresa". Per quel che riguarda l'utilizzo dei fondi comunitari, che per l'esercizio 2014-2020 hanno riservato una delega del 5% dei fondi alle 20 più grandi citta', De Cesaris e'd'accordo con l'analisi di MeglioMilano e del professor Camagni: "Serve una gestione intelligente". In ultimo, sulla questione dell'emergenza abitativa e dell'allontanamento di domanda e offerta, il vicesindaco conclude: "Serve un patto tra amministrazione e tutta la cittadinanza, con una riduzione delle aspettative economiche e anche piani di recupero dell'esistente e di riconversione del vuoto. Solo cosi' ci sara' un rilancio del settore".

Tags:
milanoariamilano 2015 tv







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.