A- A+
Milano

A Milano e' ormai guerra di mala: Pasquale Tatone, fratello dell'ex boss Emanuele Tatone, ucciso domenica scorsa insieme ad un'altra persona, e' caduto vittima di un agguato stanotte. Pasquale era appena uscito da un locale in via Pascarella, angolo evia Lopez, zona Quarto Oggiaro, quando e' stato freddato a colpi d'arma da fuoco nella sua auto. La famiglia Tatone e' considerata uno dei maggiori 'clan' dellagestione del traffico di droga in citta'. Il rapido susseguirsi degli agguati sembra quindi l'avvio di una feroce guerra aperta da qualche organizzazione rivale per il controllo dello spaccio.Pasquale Tatone era andato a vedere la partita in un locale di Quarto Oggiaro ed e' uscito da solo. Quando e' entrato nella sua vettura parcheggiata in via Pascarella, e' stato colpito da diversi proiettili, pare di grosso calibro, forse di fucile.

Sono in tutto cinque i colpi di pistola esplosi nel duplice omicidio avvenuto domenica scorsa a Quarto Oggiaro, quartiere alla periferia di Milano. I primi esiti dell'autopsia, resi noti oggi, mostrano che l'ex boss Emanuele Tatone, 52 anni, e' stato raggiunto da tre colpi alla testa, mentre l'altra vittima, Paolo Simone, 54 anni, ha ricevuto due colpi, sempre alla testa. Per avere maggiori informazioni - quali il calibro dell'arma o delle armi che hanno sparato - bisognera' attendere gli esiti dei test balistici.

Tags:
tatonequarto oggiaro







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.