A- A+
Milano
Quote latte addio, Fava esulta: "Finisce un incubo"
gianni fava

"Tra un paio di settimane finisce l'incubo delle quote latte e sono fermamente convinto che peggio di quello che c'è stato fino a oggi non è possibile. Quindi dobbiamo vedere il regime di libero mercato con fiducia". Lo ha detto l'assessore all'Agricoltura della Lombardia Gianni Fava, incontrando gli allevatori della cooperativa San Valentino di Pilastro di Marcaria (Mantova), una delle realtà pesantemente colpite dal sisma del 2012, con oltre 2,5 milioni di danni. Regione Lombardia è intervenuta direttamente con 700mila euro, a integrazione della copertura assicurativa. "Il regime delle quote è oggettivamente indifendibile - ha precisato Fava - perché dopo 31 anni dall'entrata in vigore di un sistema che avrebbe dovuto tutelare i produttori sul versante del prezzo, è evidente che non ha funzionato. Quello che credo serva ora è un po' di autoregolamentazione, mentre i consorzi dovranno svolgere un ruolo diverso, di tutela e promozione dei prodotti tipici". Secondo Fava saranno proprio le produzioni di qualità la strada per "riconoscere un valore aggiunto al nostro latte, che ha costi di produzione più elevato rispetto ad altri Paesi europei, perché sono maggiori le spese di gestione, ma anche sono superiori i controlli".

Tags:
quote lattegianni favaagricoltura







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.