A- A+
Milano
RaiExpo, megastruttura da flop. Peluffo (Pd): "Ora chi paga?"

"Che ne sarà di RaiExpo, la mega struttura messa in piedi dalla Rai per promuovere l’Expo, ora che la convenzione da 5 milioni di euro con Expo spa, in scadenza a fine aprile, non verrà rinnovata dalla società di gestione dell’evento? Considerato che conta 58 dipendenti e una doppia sede e non può essere smobilitata in quattro e quattr’otto, e visto anche che tra produzioni e suo mantenimento la Rai era già andata oltre budget, la tv pubblica ora ci rimetterà soldi?”. E’ quanto chiede il capogruppo del Pd in commissione Vigilanza Vinicio Peluffo dopo le dichiarazioni di ieri del commissario unico di Expo 2015 Giuseppe Sala, anticipando i contenuti di un’interrogazione al presidente Rai Anna Maria Tarantola e al direttore generale Luigi Gubitosi.


“Sala – continua Peluffo - ha raccontato ieri di stare ipotizzando con la tv pubblica una nuova forma di collaborazione: quali sono le ipotesi in campo? Quali gli eventuali risvolti economici per la tv pubblica? Dalla dirigenza Rai stavolta mi aspetto non la solita risposta reticente”. “Per ora – afferma Peluffo – le uniche certezze sono che il lavoro svolto finora da RaiExpo, senza nulla togliere alla professionalità di chi ci lavora, è stato deludente, se rapportato alle spese sostenute addirittura scandaloso. Che è stato sbagliato lavorare da Roma invece che da Milano, città dell’Expo. E che il servizio pubblico è in preoccupante ritardo non avendo ancora avanzato nessuna proposta per svolgere il ruolo di host broadcaster dell’Expo, cioè di televisione che fornirà le immagini dell’evento ai media del mondo. Mentre per avviare i contatti con le altre emittenti mediali internazionali, pubbliche e private, in rappresentanza di tutti i Paesi espositori, serve tempo”. “La dirigenza Rai – conclude Peluffo - sta accettando di correre il rischio che l’azienda non sia protagonista dell’evento”.

Tags:
raiexpopeluffo







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ascolti tv, ciclone Cavallaro al Tg4; bene Uno Mattina Estate e Siria Magri...
Di Klaus Davi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.