A- A+
Milano
Legge di stabilità, la Regione si rivolge alla Corte costituzionale: "Aspetti lesivi dei nostri poteri"

Una impugnativa davanti alla Corte costituzionale: questo quanto deliberato dalla Giunta regionale nei confronti della legge di stabilità 2015. Lo ha dichiarato il presidente Roberto Maroni, che contesta le modalità dei tagli alle Regioni e le norme sul personale delle Province, aspetti ritenuti "lesivi dei poteri dati alle Regioni dalla Costituzione". La Regione promette battaglia in particolare sulla "ripartizione dei tagli in base al Pil e popolazione residente quali unici indicatori". Indici che sfavorirebbero le regioni virtuose. "Non è una dichiarazione di guerra - spiega il governatore -, vogliamo solo ristabilire i principi della costituzione italiana, non far cadere il governo Renzi"

Tags:
regionemaronicorte costituzionalelegge stabilità






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.