A- A+
Milano
Legge di stabilità, la Regione si rivolge alla Corte costituzionale: "Aspetti lesivi dei nostri poteri"

Una impugnativa davanti alla Corte costituzionale: questo quanto deliberato dalla Giunta regionale nei confronti della legge di stabilità 2015. Lo ha dichiarato il presidente Roberto Maroni, che contesta le modalità dei tagli alle Regioni e le norme sul personale delle Province, aspetti ritenuti "lesivi dei poteri dati alle Regioni dalla Costituzione". La Regione promette battaglia in particolare sulla "ripartizione dei tagli in base al Pil e popolazione residente quali unici indicatori". Indici che sfavorirebbero le regioni virtuose. "Non è una dichiarazione di guerra - spiega il governatore -, vogliamo solo ristabilire i principi della costituzione italiana, non far cadere il governo Renzi"

Tags:
regionemaronicorte costituzionalelegge stabilità







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.