A- A+
Milano
Renzi ad Expo, anche Maroni, Pisapia e Sala carichi: "Sarà tutto pronto in tempo"

"Su Expo c'è grande impegno da parte di tutti a rispettare i tempi. C'è qualche padiglione in ritardo, come quello della Turchia che è partito un po' dopo, ma alla fine tutto sarà pronto. Rispetto a un mese fa sono ancora più ottimista". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, al termine della visita del premier Renzi al sito Expo, prima di andare a visitare il cantiere del padiglione Lombardia, "uno dei più importanti - ha osservato - che si troverà proprio al centro del sito, fra Cardo e Decumano, vicino al padiglione Italia".

"È positivo che il presidente del Consiglio sia venuto a incentivare gli operai per il 'rush finale' - ha aggiunto l'assessore all'Expo 2015, Fabrizio Sala -. Noi lo abbiamo detto tante volte: qui lavorano persone straordinarie. Qui ci sono quegli italiani che sono in grado di fare i 'miracoli'. E non solo perché tutto sarà pronto in tempo, ma perché Expo sarà davvero bello e attrattivo. Sono convinto che anche i numeri di visitatori previsti alla fine saranno superati".

"Il presidente del Consiglio oggi ha dato a quanti lavorano per Expo una grande carica - ha commentato il sindaco di Milano Giuliano Pisapia -. Era importante avere il Governo al nostro fianco nella corsa finale verso il grande evento globale, che si conferma volano di sviluppo per Milano e l'Italia intera. Ormai ci siamo e siamo pronti a ospitare il mondo. E negli occhi di chi lavora sul sito ho visto l'orgoglio di partecipare a una grande impresa italiana. Ma quello che mi sta più a cuore è che si sta affermando la consapevolezza di quanto non mi sono stancato di ripetere fin dall'inizio:  la nostra Expo non sarà una fiera ma sarà luogo di incontro di Paesi che rappresentano il 93% degli abitanti del pianeta, ricchi e poveri. Milano sarà il centro del dibattito mondiale su temi strategici per il loro futuro quali la nutrizione, la lotta alla fame e agli sprechi, lo sviluppo sostenibile. Per me un sogno che si avvera" .

Dopo la visita di Renzi al cantiere Expo, il commissario Giuseppe Sala ha detto: "Questo incontro è stato molto motivante per gli operai e le persone che stanno lavorando con noi. E' stato un bel momento che io ho già cancellato nella mia testa, perché penso al passo successivo, cioè dedicarmi ai lavori".  "Gli ho segnalato – ha proseguito Sala - che dal lato infrastrutturale arriveremo in tempo per l'inaugurazione, mentre pochi padiglioni potranno essere un po' in ritardo. Renzi ci ha sollecitato a fare il 1 maggio un'apertura all'altezza dell'immagine dell'Italia e ha garantito anche la sua presenza. La visita è andata bene è stato un grande momento ma lo ho già cancellato perchè bisogna guardare avanti"

Tags:
roberto maronimatteo renziexporegione lombardia







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.