A- A+
Milano
Revocata la libertà a Vallanzasca: "Sono stato incastrato"

I giudici della sorveglianza di Milano hanno revocato la semiliberta' concessa nel 2013 a Renato Vallanzasca, l'ex 'bandito della Comasina' che deve scontare 4 ergastoli e 296 anni di carcere. La semiliberta' gli era gia' stata sospesa temporaneamente il 14 giugno scorso dopo che era stato arrestato per il furto di merce di poco valore in supermercato.

Nell'udienza di alcuni giorni fa il "bel Renè" si era difeso. Non ha commeso un furto ma e' stato "incastrato" e ora rischia di perdere la liberta'. E' questa la tesi sostenuta da Renato Vallanzasca davanti ai giudici del tribunale di Milano che lo hanno giudicato per il presunto furto messo a segno il 13 giugno scorso nell'Esselunga di viale Umbria, a Milano. "Perche' mi e' stata fatta una cosa del genere non lo so - ha detto rendendo dichiarazioni spontanee - io so soltanto che entro Natale avrei dovuto discutere della mia liberazione condizionale e potevo tornare libero". Secondo il 'bel Rene', un giovane sui 30 anni l'avrebbe incastrato mettendo quelle cose nella borsa.

Tags:
vallanzasca







A2A
A2A
i blog di affari
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.