A- A+
Milano
Sanità, la riforma riparte dalla commissione al Pirellone

E' iniziato nella mattina di mercoledì 21 gennaio l'iter della riforma del sistema socio-sanitario lombardo in commissione Sanita' al Pirellone. L'analisi del testo sarebbe dovuta partire la settimana scorsa, ma il documento era stato rinviato alla giunta per alcune modifiche formali, in modo da rispettare il nuovo regolamento del Consiglio regionale, entrato in vigore dal primo gennaio. Il presidente della commissione, Fabio Rizzi (Lega Nord), ha spiegato che adesso inizieranno le audizioni e che i soggetti che intendono essere ascoltati al Pirellone dovranno fare richiesta entro il 6 febbraio. Inoltre, entro un mese, possono essere depositati i progetti di legge da abbinare al testo della giunta. Il centrosinistra ha gia' depositato una sua proposta, mentre il Movimento 5 Stelle dovrebbe presentare a breve un suo testo. Anche Ncd ha annunciato che depositera' una proposta di riforma.

Per ampliare lo spazio destinato alle audizioni e ai lavori della commissione, Rizzi ha annunciato che d'ora in poi le riunioni saranno convocate in due giorni della settimana, il lunedi' e il mercoledi', con una media di 4 audizioni per seduta. Entro le prossime tre settimane perverranno anche le relazioni di quanti hanno partecipato alla stesura del Libro bianco.

"La proposta del Pd resta quella di una riforma vera del sistema socio-sanitario per affrontare meglio i bisogni della popolazione e le nuove emergenze. Il percorso di riforma socio-sanitaria oggi in Commissione è finalmente stato avviato, e prevede il percorso di audizioni che avevamo proposto, ma il progetto di legge incardinato è quello di Maroni, diverso da quello che depositerà Ncd, dunque tutto resta in alto mare. “La maggioranza, nonostante Rizzi tiri dritto, non sa in realtà che pesci pigliare e non sappiamo ancora se e quando farà sintesi tra progetti diversi. Prima del 3 febbraio non si cominceranno le audizioni e poi occorreranno settimane per metterne in calendario: di tempo se n’è perso sin troppo a causa della confusione del centrodestra. Il Pd ha depositato la sua proposta, peraltro coerente con il Patto per la salute e la normativa nazionale, da mesi, e da mesi aspetta un confronto che an cora non c’è stato”. Sono le dichiarazioni di  Carlo Borghetti, consigliere e  Sara Valmaggi, vicepresidente del Consiglio regionale, entrambi Pd,  a margine della Commissione Sanità di oggi.

Tags:
regioneriformasanità







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.