A- A+
Milano
Rozza: "Abbiamo 30 milioni per il Seveso ma la Regione non si muove"

di Fabio Massa

Il Movimento 5 Stelle chiede le dimissioni (tra gli altri), anche di Carmela Rozza, assessore ai Lavori Pubblici, per l'esondazione del Seveso. La risposta arriva su Affari: "Perché dovrei dimettermi? Ci sono 30 milioni di euro fermi per colpa della Regione..." L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Assessore Rozza, Calise chiede le sue dimissioni.
Ah sì, e perché le chiede?

Beh, per la questione del Seveso.
Questo l'avevo capito. Quello che non capisco è perché chieda proprio le mie. Posso capire che chiedano quelle dell'intera giunta. Ma su questa vicenda del Seveso io c'entro davvero poco.

Allora mettiamola così: qualcuno dei suoi colleghi si dovrebbe dimettere.
Il problema del Seveso è di 60 anni fa. E il tema vero è che in 60 anni il problema del Seveso nessuno l'ha risolto.

Questa non è una giustificazione.
Non lo è. Ma vorrei anche dire che c'è un progetto della Regione Lombardia, alla quale noi abbiamo aderito. Un progetto per il quale abbiamo tenuto fermi ben 30 milioni di euro. Tuttavia la Regione non ha mai reso definitivo questo progetto.

Insomma, i soldi ci sono e il progetto no.
Esatto. Noi abbiamo dei vincoli e delle spese vincolate, tra le quali c'è il Seveso. I soldi per il Seveso ci sono. Ma io non posso finanziare un progetto che non ho. E il progetto non dobbiamo farlo noi, visto che il sistema idraulico non è comunale ma sovracomunale.

Tagliamola grossa: al cittadino di queste cose importa poco. Ma è ancor di più uno scandalo che i soldi ci siano e l'acqua invada le strade.
Sono d'accordo. Il sindaco ha chiesto scusa ai cittadini a nome di tutta la giunta proprio per questo motivo. QUindi nessuno si sottrae al ruolo che deve avere la politica. Ma tecnicamente funziona come ho spiegato. Se il problema fosse solo a Milano, di Milano, l'avremmo già risolto.

Eppure i suoi colleghi, ai tempi dell'opposizione alla Moratti, ne avevano chiesto le dimissioni proprio per il Seveso.
Personalmente, come consigliere comunale opposizione, quando nel 2010 il gruppo del Pd inscenò l'iniziativa contro la Moratti, ne presi le distanze. Non si poteva fare un'operazione del genere perché la responsabilità non era solo della Moratti. Tanto è vero che non ci sono nella foto.

@FabioAMassa

Tags:
rozza







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.