A- A+
Milano
Sacerdote arrestato al coca party sulle rive del lago Maggiore
 

Don Stefano Maria Cavalletti, parroco di Carciano, una frazione di Stresa, la cittadina del Verbano-Cusio-Ossola sulle sponde del Lago Maggiore, e' stato arrestato. Lo rende noto la Diocesi di Novara, che in una nota diffusa in serata dichiara di avere "appreso con profondo sconcerto e grande dolore della custodia cautelare" e di restare "in attesa di conoscere le motivazioni che hanno reso necessario il grave provvedimento a carico del sacerdote diocesano".

Le accuse, che poi sono state rese note, di certo non avranno fatto piacere alla diocesi. Don Stefano è infatti finito in carcere perché ha partecipato a un "coca party". Un festino con amici in una casa di piazza Anghilberto, lui vestito in borghese e tanta "neve" sui tavoli. A un certo punto la serata "decolla" e si levano grida. Uno degli ospiti sta pure male e i vicini di casa chiamano le forze dell'ordine. Quando i poliziotti entrano nell'appartamento, la cocaina finisce diretta nel water, dove le forze dell'ordine la trovano insieme a un passaporto fatto a pezzi: quello del prete, che cercava di occultare la propria identità.

Tags:
sacerdotecoca party







A2A
A2A
i blog di affari
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.