A- A+
Milano
"Sala vai a casa": protesta 5 stelle in consiglio regionale. Carcano espulsa dall'aula

Protesta del Movimento 5 Stelle nell'aula del Consiglio regionale contro l'assessore lombardo alla Casa Fabrizio Sala (Forza Italia). All'inizio della seduta di martedì, i consiglieri del M5S hanno esposto dei cartelli con la scritta "Fabrizio Sala vai a casa" e alcuni stralci delle intercettazioni del 2010 tra l'assessore e Angelo Narducci, un imprenditore edile condannato a gennaio in primo grado per false bonifiche. Una vicenda che ha scatenato la protesta del M5S. Le intercettazioni sono state pubblicate la settimana scorsa dall'Espresso e Sala nei giorni scorsi ha annunciato una querela contro il settimanale. Il presidente del Consiglio Raffaele Cattaneo (Ncd) ha richiamato i 5 Stelle e ha chiesto ai commessi dell'aula di rimuovere i cartelli esposti. La consigliera Silvana Carcano (M5S) ha pero' continuato a protestare e a mostrare un cartello e, dopo un paio di richiami, Cattaneo ha deciso di espellerla dall'aula.

Intervenendo in aula in apertura di seduta, il capogruppo M5S Andrea Fiasconaro ha attaccato: "E' importante che l'assessore Sala venga a chiarire la sua posizione" in Consiglio regionale "per lui ma soprattutto per i cittadini lombardi". Il presidente Cattaneo ha pero' ricordato che nella riunione dei capigruppo di ieri la questione era gia' stata discussa ed era stato spiegato ai 5 Stelle che la loro richiesta "avrebbe dovuto essere indirizzata al presidente della giunta e all'assessore Sala e non al presidente del Consiglio" perche' non e' una sua competenza. In una nota, il consigliere M5S Gianmarco Corbetta ha poi annunciato che il Movimento sta "predisponendo una mozione di censura perche' il Consiglio regionale valuti l'operato dell'assessore alla luce delle intercettazioni che lo vedono coinvolto".

Tags:
fabrizio salaraffaele cattaneosilvana carcanoandrea fiasconaro







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.