A- A+
Milano

di Rosario Pantaleo,
consigliere comunale Pd Milano

Quello che si ventilava sta diventando una realtà che preoccupa i residenti dell'Ovest milanese. Oggi, da quanto leggiamo, i cittadini si sentono dire che per 30 anni non si sono fatte manutenzioni apprezzabili su questa struttura ospedaliera. Che addirittura è necessario abbattere parte della stessa in quanto non più riqualificabile. Così mentre i fondi regionali non mancavano mai per alcuni ospedali privati, per il San Carlo non c'erano fondi per mantenerlo al passo con i tempi. Ma c'erano, invece, i fondi per mettere in opera una enorme ed inutile struttura luminosa con il nome dell'ospedale (quasi che i cittadini milanesi non sapessero di che manufatto si trattasse). Si parla, oltre che dei disagi per i cittadini, anche della perdita di 100 posti letto e, di conseguenza, oltre alla minore offerta di cure (che verrà dirottata in strutture private), vedrà una corrispondente riduzione di personale medico e paramedico. Viste le premesse è opportuno che il Comune di Milano abbia voce in capitolo per evitare ulteriori problemi alla sanità pubblica nella periferia della città.

Tags:
san carlo







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.