A- A+
Milano
cardinale scola

Aria di cambiamenti, in quel di piazza Fontana. Rumors dall'Arcidiocesi di Milano lasciano intendere che l'Arcivescovo, il cardinale Angelo Scola, potrebbe procedere ad un giro di poltrone interno alla Curia. Spostando l'assetto verso Comunione e Liberazione con nomine che potrebbero vedere le prime “vittime” tra i martiniani. Dopo la clamorosa mancata elezione papale, Scola avrebbe scelto – raccontano ad Affaritaliani – un basso profilo, rotto solo dalla recente e storica visita di tre giorni dell'Arcivescovo di Costantinopoli e patriarca ecumenico della Chiesa Ortodossa Bartolomeo, insieme all'incontro con il patriarca della Chiesa copto-Ortodossa Tawadros II. Il tema dell'ecumenismo è sempre stato caro al cardinale, che a Venezia ha avuto modo di farsi apprezzare con il suo sguardo sempre rivolto ad Oriente, verso gli ortodossi e verso l'Islam.

DON AGNESI E LA PAPARAZZATA- Il primo nome che circola nell'elenco delle sostituzioni è quello di monsignor Franco Agnesi, classe 1950, salito all'onore delle cronache nell'aprile scorso per la foto paparazzata di Papa Francesco intento a fare colazione in quel di Santa Marta, dove il Papa argentino vive avendo deciso di non alloggiare nell'Appartamento Papale (che viene usato solo per funzioni di rappresentanza). Monsignor Agnesi è vicario episcopale per la zona di Varese ed è un martiniano, peraltro già provicario generale proprio di Carlo Maria Martini. Dalle parti di Piazza Fontana dicono che la paparazzata avrebbe lasciato quantomeno perplesso il cardinale Scola. Non è tutto: nel caso di un eventuale valzer delle poltrone, sarebbero nel mirino l'Istituto Diocesano per il sostentamento del Clero (in mano al tettamanziano Tarcisio Bove), la Fondazione Ambrosiana presieduta da mons. Franco Buzzi, il Museo Diocesano e Circuito Marconi, la radio diocesana.

TELENOVELA VIGEVANO, ARRIVA IL VESCOVO- Per finire. Sembra che la telenovela legata alla Diocesi di Vigevano, con le dimissioni lampo nell'estate 2012 di monsignor Vincenzo Di Mauro, in carica per meno di un anno e il “commissariamento” voluto da Joseph Ratzinger con la nomina dell'Arcivescovo emerito di Milano, cardinale Dionigi Tettamanzi, sarebbe arrivata alla fine. Si parla di un nuovo vescovo, che arriverà a breve. Secondo quanto Affaritaliani ha potuto apprendere in Curia, si tratterebbe di un lombardo. E c'è chi è pronto a dare per sicuro monsignor Davide Pelucchi, ausiliare della Diocesi da cui venne Papa Giovanni XXIII.

Antonino D'Anna

Tags:
scolacuriavigevanobergamo






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.