A- A+
Milano
Se per salvare Expo si manda al collasso Milano... Il commento

Milano fuori controllo. Se per far quadrare i conti dell’Expo si mette a rischio l’economia cittadina, bè vuol dire che fino ad oggi non ce l’hanno raccontata giusta. Prima Expo by night, chiusura dei padiglioni dopo la mezzanotte e l’Esposizione che diventa un mega ristorante etnico, con le proteste dei ristoratori milanesi dell’Epam, che parlano di concorrenza sleale e non vedono traccia dell’onda lunga dei turisti sulle attività cittadine. Ora l’ingresso gratuito ai pensionati e a chi arriva in macchina, causa crisi profonda anche dei parcheggi. L’impressione è che, per far quadrare i numeri dei biglietti staccati (venduti o meno), i soci di Expo siano disposti a mettere in ginocchio il commercio milanese. Certo alla Darsena arrivano turbe di ragazzoni con la bottiglietta di birra in mano, in piazza Gae Aulenti le cose vanno, come sempre, a gonfie vele, ma il resto della città è un mortorio. E sui numeri dei biglietti, che sono la cartina di tornasole del piano industriale, gelo profondo.

Tags:
expo







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.