A- A+
Milano

 

questore luigi savina 10

Forte aumento di rapine in abitazioni (+52,3%) e in esercizi commerciali (+30,2%), di gran lunga mete preferite rispetto a banche (-23,5%) e a uffici postali (-22,7%), quelle in strada aumentano del 5,2% adattandosi all'aumento del totale delle rapine registrate in citta' nel 2012, 4.702 a fronte delle 4.439 del 2011. E' quanto emerge dai dati presentati stamani in questura in occasione del 161esimo anniversario della Fondazione della Polizia. Dal 2011 al 2012 nello specifico si e' passati da 155 a 236 rapine in abitazione, comprese le persone rapinate all'interno del proprio stabile, e i negozi rapinati sono passati da 596 a 776. Le abitazioni, e i negozi, sono stati presi particolarmente di mira anche per quanto riguarda i furti che, se in totale sono diminuiti di mezzo punto percentuale, rispettivamente sono aumentati del 9,3% nelle case, e del 10,5% nei negozi. L'aumento piu' evidente, pero', e' quello dei furti con strappo, passati da 1.589 a 1.963, segnando un +23,5%. Nel bilancio delle attivita' di contrasto e' emerso anche un aumento dei casi di violenza sessuale, in cui pero' lo stesso questore Luigi Savina ha spiegato essere compresi casi di palpeggiamento e molestie, oltre che violenze carnali. A calare nell'ultimo anno sono stati invece i danneggiamenti e le lesioni dolose, omicidi ed estorsioni restano stabili, aumentano leggermente le truffe informatiche, da 7.575 a 7.753.

"Nessuna disaffezione, faremmo un torto al cittadino milanese a parlarne così". Lo ha detto il questore Luigi Savina commentanto quanto avvenuto per l'episodio del quartiere Niguarda, quando nessuno per un'ora ha chiamato le forze dell'ordine per avvisare del "folle con il piccone". "Il primo episodio, ad esempio, e' stata un'aggressione con la sbarra ad un signore con il cane che si e' rifugiato e probabilmente ha pensato a una rapinetta. Il piccone e' arrivato ben dopo - ha aggiunto -. Escludo ci sia disaffezione per numero di chiamate che riceviamo".

E' come chiedere all'oste se il vino e' buono. In questo momento parlare di emergenza e' problematico, bisogna affrontare assieme, in maniera mirata e ragionata, le cose da fare. Piu' siamo misurati e guardiamo il fenomeno meglio possiamo mirare le risposte". Coså il questore Luigi Savina ha risposto interpellato su una eventuale "emergenza sicurezza" anche in relazione agli ultimi episodi di violenza registrati a Niguarda, a margine dell'incontro con la stampa in occasione del 161esimo anniversario della Fondazione della Polizia.

"Pil nero in leggera diminuzione" dal 2011 al 2012, secondo il questore Luigi Savina che stamani presentando i dati ha sottolineato come "oggi l'ordine pubblico e' sempre piu' complesso e richiede un'opera di mediazione continua per evitare che le tensioni sociali si scarichino sulla piazza". Ricordando le 265mila persone controllate nel solo 2012, Savina ha spiegato che, oltre a tale attivita' di contrasto alla criminalita', "molto importante e' il lavoro che stiamo facendo nei quartieri: incontri bisettimanali zona per zona, scambio di dati tra forze dell'ordine con una sinergia e una lealta' che sono un valore aggiunto per tutti". In merito ai reati predatori "piccoli", aumentati, il questore ha spiegato che "si tratta di un fenomeno da seguire: sono molto pericolosi questi episodi perche' spesso si tratta di non professionisti e da cui puo' sfociare qualcosa di grave. Non approfondisco con teorie su cio' che c'e' a monte, insisto sulla necessita' di una forte attivita' di prevenzione".

Entro luglio sara' attivo il "call center laico" al 112, per Milano, gestira' il territorio di Milano e provincia.e gli operatori saranno persone non appartenenti alle forze dell'ordine e formate da strutture specializzate, con competenze anche psicologiche. L'annuncio e' stato dato oggi in occasione del 161esimo anniversario della Fondazione della Polizia. Si tratta dell'arrivo a Milano di un servizio gia' sperimentato a Varese, in futuro il territorio lombardo sara' gestito con 3 soli call center civili: Milano, Varese e Bergamo, competenti su aree definite in base alla densita' di popolazione e al numero di chiamate.

Il Prefetto di Milano, Camillo Andreana, esprime "il suo personale cordoglio per la tragica e prematura scomparsa di Alessandro Carolß, Daniele Carella e Ermanno Masini le cui vite sono state drammaticamente stroncate. Il Prefetto, nel rispetto del desiderio delle famiglie di svolgere il rito funebre in forma privata, desidera esprimere la sua profonda vicinanza ai congiunti e partecipa al loro dolore con umana solidarietÖ".

Tags:
sicurezza milano







A2A
A2A
i blog di affari
Il Green pass crea una categoria di cittadini di seconda classe
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il redditometro viola i diritti dell'uomo: la denuncia di PIN
Green pass obbligatorio, infame pratica ideologica e non scientifica
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.