A- A+
Milano

"Il nostro faro e' e sara' sempre la Costituzione e quindi l'applicazione dei principi di solidarieta' sociale richiamati dagli articoli 2 e 3. Milano, citta' democratica, non mette le ronde, che si sono dimostrate inutili, controproducenti e in molti casi dannose, ma organizza, grazie al progetto dell'assessore Majorino, una rete di volontari per aiutare persone che si trovano in una situazione di bisogno o di grave disagio sociale". Cosi' il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, replica al governatore leghista lombardo, Roberto Maroni, che aveva accolto con soddisfazione l'iniziativa di Palazzo Marino, ma non senza vena polemica (sottolineando un "ravvedimento" della sinistra sul progetto delle "ronde", dopo gli "insulti alla legge sulla sicurezza" approvata quando lui era al Viminale).

"A ravvedersi sono il presidente Maroni e l'intero centrodestra - ribatte Pisapia, in una nota - che adesso condividono il sostegno ai piu' deboli e bisognosi e che, pero', dimenticano che le ordinanze volute dal governo Berlusconi, di cui Maroni era ministro, andavano in direzione del tutto opposta, tanto da essere dichiarate illegittime o censurate dalla Corte Costituzionale".

Tags:
pisapiamilanorondemaroni






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.