A- A+
Milano
Stupratore seriale di musulmane conosciute online arrestato dalla Polizia

Era considerato uno stupratore seriale che colpiva in tutta la Lombardia: un 42enne tunisino residente a Trento è stato arrestato dalla polizia grazie alla denuncia di una donna ed al lavoro investigativo della Squadra mobile di Lodi, in collaborazione con i colleghi di Trento. Ripugnante la modalità operativa dell'uomo, che trascorreva settimane a navigare sui siti di cerca lavoro, spacciandosi per un ricco imprenditore alla ricerca di una badante per l'anziana madre malata. Selezionava sempre giovani donne, preferibilmente di fede musulmana. Come la 26enne marocchina incontrata in stazione a Lodi lo scorso 21 febbraio. Caricata la giovane sul Suv, l'uomo ha mostrato il suo vero volto portando la ragazza in una zona isolata, colpendola con violenza e quindi stuprandola, per poi scaricarla in stazione. E' da quest'ultimo caso, grazie alla denuncia della 26enne, che partono le indagini, concluse a Riva del Garda dove l'uomo, sposato e con due figli, aveva preso appuntamento con altre due giovani.

Tags:
poliziasquadra mobilestuproviolenza sessuale







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.