A- A+
Milano

Si è riunita martedì 16 settembre, presso la Fondazione Stelline, la prima assemblea pubblica della Community Amici delle Stelline a cui hanno partecipato i soci fondatori e nuovi associati.

Nell’arco della serata sono stati svelati e presentati i tre macro progetti proposti dai gruppi di lavoro costituiti nel primo anno di vita dell’associazione e  che saranno realizzati attraverso sponsorship e partnership private e  istituzionali nei prossimi mesi.

La città metropolitana, affrontata grazie a una serie di iniziative finalizzate al coinvolgimento dei cittadini lombardi e milanesi nel processo di costituzione: una piattaforma per delineare il perimetro della vision di questo nuovo soggetto che non può essere solo una nuova articolazione amministrativa. Il 29 settembre una tavola rotonda “Città metropolitana: dalla politica, alle politiche” vedrà la partecipazione dei più alti rappresentanti delle istituzioni milanesi, preceduta dalla presentazione in anteprima della ricerca “Orientamenti e reazioni degli attori istituzionali e politici alla realizzazione della Città metropolitana milanese” - svolta dai professori Luciano Fasano e Nicola Pasini dell’Università Statale di Milano per conto dell’Istituto per la scienza dell’amministrazione pubblica (ISAP). La mostra dell’Alfabeto metropolitano, una mostra - percorso per raccontare la Milano contemporanea attraverso una serie di lemmi, uno per ciascuna lettera dell’alfabeto che si arricchirà di contenuti grazie alla collaborazione di giovani fotografi milanesi e video interviste che racconteranno la propria idea di città metropolitana. Il tutto per la costruzione di una grande “cloud” che rappresenterà i termini identificabili con il significato di città metropolitana.

“L’idea di diventare propulsore di proposte concrete e laboratorio di dialogo tra cittadini e istituzioni è nel DNA dell’Associazione e, proprio su un tema come quello della città metropolitana che a breve diventerà una realtà di fatto, abbiamo voluto investire impegno, risorse e un coinvolgimento importante” – dichiara Giovanni Battista Benvenuto, Presidente Associazione Amici delle Stelline – “siamo certi che il percorso di costruzione debba essere il più partecipativo possibile, ma deve anche essere trasmesso in maniera efficace e diretta ai cittadini, il convegno e la mostra multidisciplinare sono un primo importante passo che mettiamo a disposizione della città”.

Le “Giornate di Milano per i diritti umani”, evento internazionale promosso dal Comune di Milano e organizzato dalla Fondazione Stelline in collaborazione con Fondazione Giangiacomo Feltrinelli per novembre 2015. Un appuntamento annuale della durata di 3 giorni, nel corso dei quali si svolgeranno incontri, dibattiti, discussioni fra la popolazione milanese, e non solo, e le persone che in prima linea si battono per l’applicazione dei diritti a livello mondiale. L’iniziativa si pone anche come ulteriore fulcro di aggregazione che pone al centro la città di Milano dopo i mesi di Expo, per continuare a guardare al mondo come palcoscenico con cui confrontarsi.

Infine il progetto di “Leonardo alle Stelline”, che ha una genesi naturale anche grazie alla posizione strategica di Palazzo delle Stelline che invita a pensare alla funzione di questo luogo come spazio di accoglienza e approfondimento culturale della visita all’Ultima Cena non solo in vista di Expo 2015, ma anche e soprattutto dopo Expo, per far vivere un’esperienza del Genio Leonardo innovativa, multimediale, emozionale. Una delle prime tappe di questo nuovo modo di accogliere chi arriva da fuori Milano sarà il collegamento con Santa Maria delle Grazie attraverso un percorso di comunicazione che condurrà da aprile a settembre 2015, al Chiostro della Magnolia dove un padiglione appositamente costruito ospiterà  un’edizione multimediale del Cenacolo e dello studio di Leonardo, realizzato con le più aggiornate tecnologie digitali e arricchito dalla “visione” di un grande artista e filmaker contemporaneo quale Peter Greenaway. La Fondazione Stelline sta lavorando con Change Performing Arts alla stesura di un  accordo con la Sovrintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggisti.

“La Fondazione Stelline segue da sempre un percorso che la vede al centro del rapporto e del dialogo tra territorio, cittadinanza, istituzioni e nuove forme espressive” – PierCarla Delpiano, Presidente Fondazione Stelline – “Lo stimolo costante che i membri della community rappresentano per la Fondazione è una incredibile fonte di idee e progetti su alcuni dei quali partecipiamo in maniera diretta, poichè rappresentano un passo concreto e coerente verso l’affermarsi di Milano come città di successo nel panorama internazionale. Non sono solo iniziative a termine, ma un lascito socio culturale che deve essere significativo anche per le generazioni future”.

Sono diversi gli interventi e spunti di riflessione emersi durante la serata, dalla richiesta di creare un luogo di dialogo che possa nascere dalla contaminazione e dall’eclettismo, fino alla proposta di creare uno “State of the City” partendo e lanciandolo direttamente da Milano – State of Milano - come realtà che si interroga e pone al centro della narrazione proprio gli indicatori delle proprie eccellenze.

Prossimi appuntamenti:

-       29 settembre, ore 18.00 “Città metropolitana: dalla politica, alle politiche”

-       20 ottobre, ore 18.30 “#IceBucketChallenge...and then?” - insieme a Fondazione Telethon e la ricerca sulle malattie genetiche – Charity event

Tags:
community







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.