A- A+
Milano
Traffico di rifiuti in Europa. Soldi riciclati nel Novara calcio

Traffico di rifiuti in Europa. Soldi riciclati nel Novara calcio

L'operazione "Black Steel" della Procura di MILANO,che ha consentito di far luce su un vorticoso giro di denaro (quasi €. 100.000.000), legato a imponenti traffici illeciti di rifiuti e transitato sui conti di società italiane ed estere (tedesche e ungheresi) per essere "ripulito" e reinvestito in ulteriori attività, prevalentemente illecite, ha messo anche in evidenza che una parte di proventi illeciti sono stati reinvestiti anche nell'acquisto di una squadra di calcio piemontese militante in serie C, il Novara Calcio, poi rivenduta prima di essere sottoposta a fallimento. Oltre 65.000.000 euro, dopo essere stati bonificati sui conti della società tedesca TM Commodities gmbh, sono stati, la gran parte nell'arco di soli due anni, prelevati in contanti dai conti stessi con una pluralità di operazioni, alcune anche per importi pari a quasi €. 1.000.000, e reimmessi in circuiti economici perlopiù illegali.

Gli indagati sono accusati di associazione a delinquere per il traffico illecito di rifiuti, riciclaggio

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, gli indagati sono accusati di associazione a delinquere per il traffico illecito di rifiuti, riciclaggio, auto riciclaggio e altri reati. Disposto anche il sequestro di 90 milioni di euro.

Tra le attività illecite, l'acquisto di quote di società di calcio

Il sequestro di 90 milioni disposto dal gip di Milano nell'ambito dell' l'operazione in corso in Lombardia, Piemonte e Calabria e in Germania su un traffico di rifiuti illeciti riguarda somme che per gli investigatori erano solitamente reinvestiti nello stesso traffico illecito di rifiuti ma anche in altre attività lecite tra cui l'acquisto di quote di una società di calcio.

L'operazione rientra nell'ambito di un "Action Day" coordinato da Eurojust

L'operazione rientra nell'ambito di un "Action Day" coordinato da Eurojust per i profili internazionali, con il supporto di Europol, ed è condotta congiuntamente dal Gruppo Carabinieri per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica di MILANO e dell'Ufficio Federale di Polizia Criminale (BKA) di Monaco di Baviera (Germania). Le indagini sono condotte dalla Procura di MILANO, Monaco e Reggio Calabria. E' stata infatti creata una squadra investigativa comune per accertare reati in materia di traffico illeciti di rifiuti che in questo caso si è sviluppato in vari Paesi europei con un giro di false fatturazioni ed attività di riciclaggio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
90 milioniarrestieuroparifiutisequestrotraffico







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.