A- A+
Milano

"E' a rischio il buon funzionamento della giustizia di Milano, gia' con un -30% di personale, e ora 140 tra tirocinanti, cassaintegrati e lavoratori in mobilita' che vedono a rischio la prosecuzione della collaborazione". E' l'allarme lanciato stamani durante l'assemblea presidio dei Lavoratori socialmente utili operanti presso gli uffici giudiziari, organizzata dalla Cgil dalle 10 davanti al Tribunale. Il temuto "stop" alla collaborazione, che in Italia colpirebbe 1500 persone, sarebbe dovuto alla mancata attuazione dello stanziamento di 7,5 milioni di euro previsto nella legge di stabilita'. Questa "inerzia ministeriale", secondo i manifestanti, "puo' compromettere e disperdere anche tutto il patrimonio di competenze che abbiamo finora acquisito con un percorso formativo". "i soliti sprechi, le solite incongruenze - hanno aggiunto i lavoratori del Tribunale - governo o non governo e' necessario sbloccare la situazione. il Palazzo di Giustizia a Milano non puo' permettersi di non funzionare bene e spedito come fa, anche grazie a noi".

Tags:
tribunale di milano







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.