A- A+
Milano

"Regione Lombardia torni a sollecitare la revisione delle circoscrizioni giudiziarie decise dal vecchio Governo che prevede la soppressione di tutte e 18 le sezioni staccate dei Tribunali esistenti in Lombardia". E' quanto chiede il Vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) che sulla questione annuncia la presentazione di una nuova interrogazione da portare al vaglio dell'Assemblea regionale "affinché le istituzioni lombarde tornino a fare pressione per arrivare alla revisione del piano".

"Il Consiglio di Stato nei giorni scorsi - ha aggiunto Cecchetti - con un'ordinanza cautelare, su ricorso dei sindaci e di un gruppo di avvocati, ha sospeso, in attesa di una sentenza di merito, la soppressione delle sedi distaccate dei tribunali di Legnano, Rho e Cassano d'Adda. Speriamo adesso che la questione venga affrontata nella sua vera sostanza: non si possono lasciare senza tribunali zone densamente popolate e caratterizzate da un forte tessuto economico produttivo come quelle in questione".

"Al di là della sentenza di merito che emetterà il Consiglio di Stato - ha sottolineato ancora Cecchetti - adesso c'è la speranza che a Roma riaprano il dossier sulla giustizia. Tagliare per tagliare senza nessun criterio non porta da nessuna parte. Il numero di casi che finiscono ogni anno all'attenzione dei tribunali sono la prova che quelle sezioni distaccate non sono inutili. Inoltre il trasferimento delle udienze provocherebbe ulteriori rallentamenti e non pochi disagi per i cittadini. Ecco perchá Legnano, Rho e Cassano d'Adda, come tutte le altre sedi distaccate della Lombardia, non devono chiudere".

Tags:
legatribunali







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.