A- A+
Milano
Trivulzio Milano, chiusa inchiesta truffa da 2mln, 15 indagati

I finanzieri del Comando Provinciale di Milano stanno notificando 15 avvisi di chiusura delle indagini per truffa aggravata, liberta' degli incanti e abuso d'ufficio in merito agli affitti delle case del Pio Albergo Triulzio, lo 'storico' ospizio per anziani. Le indagini condotte dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo, Maurizio Romanelli e dal pm Eugenio Fusco avrebbero accertato, si legge in una nota della Gdf, "condotte fraudolente dei funzionari dell'ente idonee a turbare le procedure di dismissione di alcuni immobili di pregio, siti nelle zone centrali di Milano, e intenzionalmente dirette a favorire gli interessi degli acquirenti, con un danno per l'ente pubblico quantificato in circa 2 mln di euro".

Tra gli indagati, figurano l'ex presidente del Pat, Emilio Trabucchi, l'ex assessore regionale lombardo alla casa, Domenico Zambetti, gia' arrestato nell'inchiesta nulla 'ndrangheta e Carla Vites, moglie dell'ex assessore regionale Antonio Simone. Nei giorni degli arresti di Primo Greganti e Gianstefano Frigerio, torna dunque alla ribalta anche il Pio albergo Trivulzio dove, il 17 febbraio 1992, venne individuata la 'prima' tangente della stagione che venne poi ribattezzata 'Mani pulite', quella incassata da Mario Chiesa, all'epoca presidente proprio del Pio Albergo Trivulzio.

 

Tags:
trivulziomilano 2015 tv







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.