A- A+
Milano
Raiola, il tweet del mistero: anticipa il giallo sulla morte

Raiola, il tweet del mistero: anticipa il giallo sulla morte

"Sono indignato dalle telefonate di pseudogiornalisti che speculano sulla vita di un uomo che sta combattendo". Lo dice Alberto Zangrillo, direttore del dipartimento di Anestesia e Terapia Intensiva dell'ospedale San Raffaele, smentendo le voci del decesso del procuratore Mino Raiola. Era infatti corsa voche che si fosse spento lo storico procuratore dei calciatori, 54enne e malato da tempo.

Già a gennaio aveva subito un intervento chirurgico all'ospedale San Raffaele di Milano. Tra i suoi assistiti ci sono giocatori del calibro di Zlatan Ibrahimovic, Paul Pogba e Gianluigi Donnarumma, solo per citarne alcuni. 

Il giallo sulla morte di Raiola (poi smentita) è stata anticipata pochi minuti prima da un tweet di pessimo gusto di alcuni milanisti. L'agente è inviso in ambiente milanista dai tempi del caso Donnarumma. Rimane un mistero perché il tweet abbia anticipato di pochissimo i rumors sulla morte del superprocuratore.

Tweet Raiola 600
 

 

Leggi anche: 

La conferenza di Fdi, ecco gli ospiti. Così Meloni si candida a Palazzo Chigi

Centrodestra, la 'road map' di Salvini per l'unità. Esclusivo Affaritaliani

Twitter a Musk? Accelera la guerra tra governi e potenze digitali. E Trump...

Commenti
    Tags:
    mino raiolaraiola morto







    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.