A- A+
Milano
Uccide un collega e poi ammazza la moglie e si suicida. Tragedia a Segrate

Tragedia tra Segrate (Milano) e Bergamo. Un uomo ha prima ucciso un collega di lavoro a Segrate, quindi e' tornato a casa, in provincia di Bergamo, ha ucciso la moglie e poi si e' tolto la vita con la stessa arma.

Un uomo di 72 anni, Domenico Magri', ha ucciso stamattina un collega di lavoro e la moglie, e si e' poi suicidato. Il primo omicidio e' avvenuto intorno alle 10 di oggi a Segrate, in un cantiere di via Monviso. Qui Magri', imprenditore edile, aveva dato appuntamento al collega Carmelo Orifici, 69 anni, originario di Messina, ufficialmente per discutere questioni di lavoro. L'uomo chiama anche il figlio Antonio, che pero' ritarda di una decina di minuti, e arrivato sul cantiere trova il padre morto, ucciso da numerosi colpi d'arma da fuoco in testa. Antonio Orifici conosceva l'assassino del padre, e avverte subito i carabinieri. I militari arrivano a casa di Magri', al numero 10 di via Massimiliano Kolbe a Bottanuco, un paese in provincia di Bergamo. Nell'appartamento i carabinieri trovano il cadavere di Magri' e quello della moglie. L'uomo ha sparato alla signora e si e' poi sparato in testa. Gli investigatori stanno indagando per scoprire le ragioni del duplice omicidio-suicidio.

Tags:
collegamoglieomicidio







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.