A- A+
Milano
Varese, assalto a furgone della polizia. Evade 'ndranghetista

Domenico Cutrì, 32 anni, ergastolano di origine calabrese, stava per entrare nella sezione distaccata del tribunale di Busto Arsizio, a Gallarate, dove avrebbe dovuto partecipare a un processo per emissione di assegni falsi attorno alle 15 di questo pomeriggio. Secondo le prime ricostruzioni, al furgone si sono affiancate una o due auto, a bordo delle quali c'era un commando formato da almeno quattro persone. I banditi, armi alla mano, hanno intimato agli agenti di liberare Cutrì e uno di loro ha spruzzato dello spray al peperoncino contro un poliziotto.

Ne è nato un conflitto a fuoco nel corso del quale sono stati esplosi numerosi colpi e Antonino Cutrì, 30 anni, fratello dell'evaso, è stato colpito diverse volte. Antonino Cutrì è morto poco dopo, all'ospedale di Magenta, dove sarebbe stato scaricato dagli altri fuggitivi.

Un agente di polizia è rimasto ferito per via dello spray urticante, mentre un uomo della polizia penitenziaria ha riportato un trauma cranico perché è scivolato durante la sparatoria. Non sono state ancora confermate le voci secondo le quali il commando avrebbe preso un ostaggio, potrebbe anzi trattarsi di un complice dei malviventi, né si sa se un altro degli assalitori sia effettivamente rimasto ferito come sembrava nei primi minuti successivi alla sparatoria.

 

Tags:
varesesparatoria






A2A
A2A
i blog di affari
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano
Frutta secca: benefici e quando mangiarla
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.