A- A+
Milano


Vent'anni anziché 122. Il gup di Milano Antonella Bertoja ha condannato con rito abbreviato a 20 anni di carcere l'egiziano Sameh El Melegy, lo stupratore seriale che ha agito nella maggior parte dei casi in bici, accusato di violenza sessuale nei confronti di 19 donne. Il giudice ha accolto la richiesta del pm Gianluca Prisco, titolare dell'inchiesta. La richiesta di pena per lo stupratore seriale in bicicletta era stata esemplare: “122 anni”. Centoventidue anni che naturalmente in concreto non potevano essere più di 30 anni, visto che il codice livella a un tetto massimo di 30 anni qualunque altra pena teorica. Scesi comunque a 20 anni perché l'imputato, avendo scelto di farsi giudicare con il rito abbreviato, ha per legge automaticamente diritto allo sconto di un terzo della pena.

Tags:
biciclettastupratore






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.