A- A+
Milano
Illeciti nella Pubblica amministrazione: anche la Regione si affida ai "whistleblower"

Anche la Regione, sulla scia di quanto recentemente stabilito da Palazzo Marino per il Comune di Milano, decide di puntare sul "whistleblowing", ovvero le segnalazioni rigorosamente in forma anonima dei propri dipendenti per denunciare episodi di corruzione o altri illeciti commessi dai colleghi. La disciplina di questa pratica è stata infatti aggiornata per il 2015 nel "Piano triennale di prevenzione della corruzione'. Il dipendente che volesse segnalare qualcosa ha cinque vie da poter seguire: in forma cartacea, «con posta esterna o interna»; in forma cartacea ma anonima; per via orale, con redazione del relativo verbale; via mail, inviandola ad un indirizzo prestabilito; e infine «attraverso sistema informativo ad hoc e chiavi di identificazione scorporate». E sono 14 i procedimenti disciplinari avviati nel 2014: sette si sono conclusi con una archiviazione, quattro con una sanzione, tre sono in attesa di "risultanze del giudicato penale"

Tags:
whistleblowingregioneillecitilegalità






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.