A- A+
Auto e Motori
Coronavirus: Bosch impegnata per tutelare i suoi collaboratori

Con il Covid-19 la vita di tutti è stata rivoluzionata: scuole, cinema e musei chiusi, zone rosse e tutti siamo stati cortesemente chiamati a cambiare le nostre abitudini lavorative. Per salvaguardare la sicurezza dei lavoratori e l'attività imprenditoriale le aziende si sono trovate ad affrontare nuove sfide come lo smart-working che rappresenta un'opportunità per limitare il contagio e dare continuità alle attività lavorative che si possono svolgere anche in remoto.Il Gruppo Bosch in Italia ha deciso di attuare da subito tutte le misure cautelative previste e consigliate dalle autorità competenti. Una task force interna sta monitorando in maniera costante l’evolversi della situazione e le persone di riferimento per i collaboratori sono i referenti HR e i responsabili Salute e Sicurezza dell’azienda.

Nonostante il contesto difficile, tutti i collaboratori si stanno impegnando a portare avanti con impegno, responsabilità e determinazione le proprie attività. Inoltre, dal 24 febbraio ad oggi, nelle sedi Bosch tutti i collaboratori stanno lavorando in modalità smart working, con l’obiettivo principale di minimizzare, in linea con le direttive nazionali e regionali, la possibilità di contagio, garantendo la continuità lavorativa.

Per Bosch lo smart working non è una novità, è utilizzato già da un paio di anni e fa parte di un progetto globale definito “Inspiring working conditions” che ha l’obiettivo di creare le condizioni migliori per generare un clima di lavoro basato su fiducia, collaborazione, spirito di iniziativa e flessibilità. Nei siti produttivi oltre alla sanificazione degli ambienti gli addetti sono stati dotati di sistemi di protezione individuale in aggiunta al mantenimento delle distanze previste. 

Da anni è stata avviata una trasformazione culturale e organizzativa dell’azienda. Si tratta di valori e modalità di lavoro che, per essere messi in pratica, necessitano anche di meno rapporti gerarchici e più comunicazione ed interazione a tutti i livelli organizzativi. Oggi la domanda è: “Ci sei? e non “Dove sei?”. I collaboratori hanno gli strumenti necessari per lavorare in autonomia (tablet e smartphone connessi ai server aziendali), per partecipare a call/riunioni da remoto (Skype e/o altri mezzi analoghi) ed inoltre, ricevono una formazione adeguata per rispettare le norme di sicurezza e per poter utilizzare gli strumenti correttamente. La reperibilità è conforme all’orario di lavoro. In situazioni di normalità è possibile lavorare da remoto una volta alla settimana possibilità estesa in questa situazione particolare, previo accordo con il proprio responsabile, ma a tendere l’obiettivo sarà di estendere tale modalità a più giornate.Al momento non è ancora possibile fare previsioni circa l’impatto sul business.

Massimo Redaelli 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    boschcoronaviruscodi19
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    La moglie in quarantena? E' una ma vale per quattro

    Coronavirus vissuto con ironia

    La moglie in quarantena?
    E' una ma vale per quattro

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 2020 Antonella Elia cade e batte la testa: interviene il medico. Gf Vip 4 news

    Grande Fratello Vip 2020 Antonella Elia cade e batte la testa: interviene il medico. Gf Vip 4 news



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Coronavirus: la flotta Kia per la spesa a domicilio dei bisognosi di Milano

    Coronavirus: la flotta Kia per la spesa a domicilio dei bisognosi di Milano


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.