A- A+
Auto e Motori
Un prodotto del settore moto italiano su 4 in vendita online è fake

Un prodotto italiano su quattro, tra quelli del settore del ciclo, motociclo e accessori messi in vendita sui marketplace, è contraffatto e il 4,3% dei siti web che fanno e-commerce in questo settore sono illeciti.

È quanto emerge dal primo report sulla contraffazione nel settore delle due ruote, commissionata a Fub e Dcp da Confindustria Ancma e Indicam (associazione che dal 1987 combatte la contraffazione), presentata oggi in Eicma, il salone internazionale delle due ruote in corso di svolgimento nei padiglioni di Rho di FieraMilano.

  Analizzando le vendite sui siti web di 11 marchi del Made in Italy delle due ruote, è infatti emerso che il 4,3% delle pagine analizzate sono illecite, ovvero mettono in vendita prodotti contraffatti, rubati o nascondono delle vere e proprie truffe. Gran parte di questi siti sono registrati negli Stati Uniti, anche se vengono gestiti dal Far East. Ancora peggiore la situazione che emerge analizzando i marketplace (le piattaforme come Amazon e Ebay), dove su 113mila annunci legati a prodotti italiani del settore, l’indice di contraffazione è risultato essere del 25%, per un totale di 2,2 miliardi di euro di valore dei prodotti falsi messi in vendita. Gran parte dei prodotti contraffatti provengono dalla Cina, mentre a livello di vendite il Paese più attivo è l’Indonesia.

   “Si tratta di una tematica che investe tutte le aziende del nostro settore e provoca gravi danni materiali e di immagine - ha commentato il presidente di Confindustria Ancma, Paolo Magri -. L’Italia ha una tradizione molto antica e radicata sui territori in ambito ciclistico, motociclistico e dei caschi, i nostri marchi sono ricchi e riconosciuti a livello mondiale, ma una delle conseguenze di questa ricchezza è la contraffazione, che è ulteriormente aumentata negli ultimi anni con l’esplosione dell’e-commerce. Vogliamo fare un percorso con le istituzioni per rendere la vita difficile a quanti violano la serietà e il prestigio dei nostri marchi”.

   La proposta avanzata da Indicam e Ancma per “accendere un faro che renda forte il contrasto alla contraffazione”, come ha detto il presidente di Indicam, Mario Peserico, è quello di istituire un credito d’imposta o degli sgravi fiscali per le Pmi che utilizzeranno dei servizi dei protezione dei loro marchi online. “Speriamo che questa proposta trovi spazio nella prossima legge di bilancio” ha concluso Peserico.

Foto: EICMA

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ancmaeicmafake on linemoto
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza



    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.