A- A+
Politica

"Occorre ricominciare da capo". Angelino Alfano 'ricambia' la mano tesa ieri da Silvio Berlusconi e, a Rtl 102.5 durante 'Non Stop News', ribatte anche agli 'errori' perdonati dal Cavaliere al suo ormai ex Delfino. "Io - dice infatti il leader Ncd - non ricordero' l'errore fatale che avrebbe compiuto lui se non ci fosse stata la mia e la nostra azione, cioe' mettere l'Italia in ginocchio lo scorso anno facendo cadere governo e legislatura e consegnando il Paese nelle mani di Grillo, perche' questo e' il merito personale e storico di chi ha fatto il Nuovo Centrodestra: avere impedito che il Paese finisse nelle mani di Grillo per un errore di Silvio Berlusconi". "Io - promette - non rinvanghero' questo passato. Sono pronto a guardare al futuro, ma - avverte Alfano - noi dobbiamo costruire un'area alternativa al Pd che abbia un profilo fortemente riformatore, su fisco e sicurezza in primo luogo".

 

"Io non ho nulla di personale contro Salvini, ma le sue idee sono lontanissime dalle mie. Quindi chi non fa politica solo per il potere non puo' tenere da parte la differenza ideale, intervistato a Rtl 102.5 per "Non Stop News", Angelino Alfano torna a marcare la differenza tra Ncd e Lega.

Il leader Ncd legge il senso politico delle amministrative spiegando che "la Lega e' vincente dentro un centrodestra perdente, ma ai moderati italiani, a coloro che non vogliono votare il Partito Democratico, cosa frega di avere una Lega forte se poi il centrodestra perde e governa sempre la sinistra? Alla fine nonostante il calo dell'affluenza, nonostante il 37%dei votanti, Bonaccini ha dato 20 punti di scarto ad Alan Fabbri, quello della Lega, che si e' fermato intorno al 30 quando noi avevamo preso anche il 40,36,37,38. Cioe' abbiamo ottenuto, la Lega, un motivo per festeggiare autonomamente il 19% della Lega, ma la coalizione ha fatto un flop clamoroso". "E allora - sintetizza Alfano - a noi che ce ne frega di perdere a guida leghista? Meglio trovare una soluzione che sia veramente competitiva con Renzi, perche' credo che Renzi sia ex aequo con Salvini, il piu' felice di tutti del risultato di Salvini perche' gli consegna un'estrema destra, che non e' centrodestra, 'Lepenista', che vuole uscire dall'Europa, che vuole la lira da svalutare, che vuole chiudere le frontiere e quindi tornare indietro rispetto ai trattati di libera circolazione che e' manna caduta dal cielo".

"Salvini dice che occorre uscire dall'Europa, che occorre tornare alla liretta da svalutare, che occorre chiudere i trattati di libera circolazione tra i cittadini europei. Si tratta di elementi fondamentali del programma, non cosucce sulle quali ci si puo' intendere, la differenza e' molto profonda", sottolinea tra l'altro il ministro dell'Interno.

Quanto alla metafora di ieri sulla composizione della 'squadra' del centrodestra futuro e del possibile ruolo del segretario leghista, Alfano ribatte che "molto semplicemente e' una squadra che non vince. Per essere pratici faccio l'esempio dell'Emilia-Romagna: li' la Lega festeggia un grande successo perche' ha preso il 19%, ma nelle cinque elezioni che si sono svolte per presidente della Regione Emilia-Romagna dal 1995 ad oggi per il centrodestra e' stata la performance peggiore dal 1995. Cioe' negli ultimi 20 anni, come centrodestra, il peggiore risultato lo ha ottenuto il candidato di centrodestra di questa volta". "La squadra che vince - insomma - e' una squadra di persone del centrodestra che non dicono delle cose estreme come le dice Salvini, che non raccolgono per poco tempo un voto di protesta che poi evapora come sta succedendo a Grillo, ma che hanno una proposta concreta per governare il Paese. Sul Fisco, sulle citta', sulla questione che riguarda la certezza della pena e sulle dinamiche fiscali che noi stiamo affrontando da dentro il Governo: cito un esempio su tutti, il fatto di zero tasse per chi fa nuove assunzioni, che era un punto programmatico forte del PDL di cui ero segretario e che abbiamo realizzato con questa legge di Stabilita'".

Tags:
alfano

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.