A- A+
Politica
Armi all'Ucraina, Meloni chiede il voto in Aula: mal di pancia della Lega
Massimiliano Romeo

Da FdI le parole del capogruppo leghista Romeo sono derubricate a "semplice dialettica" che non cambiano la linea di politica estera dell'esecutivo

Maggioranza compatta su Ucraina, migranti e transizione verde, ma sulla guerra restano i distinguo della Lega. "Quello che conta e' il voto sulla risoluzione", la tesi di Fdi. Del resto Romeo, capogruppo della Lega, nel suo intervento al Senato non ha fatto altro che ripetere le preoccupazioni sull'escalation militare, "non ci sono contraddizioni", la tesi. Altri sono i nodi nella maggioranza: c'e' ancora da sciogliere quello sui crediti incagliati per quanto riguarda il superbonus, c'e' la "controffensiva" che prepara il partito di via Bellerio sul dl Cutro (mentre il governo vorrebbe 'ammorbidire' ancor di piu' la norma sulla protezione speciale, gli 'ex lumbard' puntano a eliminarla del tutto, anche se probabilmente non ripresenteranno tutti gli emendamenti per ripristinare le misure dei decreti Salvini).

C'e' poi il dossier sulle nomine (stasera dovrebbe esserci un vertice ed e' ancora da risolvere la questione della conferma di Blangiardo all'Istat) e poi c'e' il tema dei balneari, l'esecutivo sta lavorando ad un provvedimento per il riordino del settore ma sia la Lega che FI tengono la barra dritta, "Meloni aveva detto di voler uscire dalla Bolkestein, tocca a lei trovare una soluzione", dice un deputato. Sul sostegno a Kiev, invece, le forze che sostengono l'esecutivo hanno trovato, anche se con difficolta', un'intesa sulla risoluzione. C'e' chi ha fatto notare a palazzo Madama l'assenza di ministri del partito di via Bellerio nell'Aula (c'era solo Calderoli) ma le parole del capogruppo Romeo sono derubricate in Fdi a "semplice dialettica" che non cambiano la linea di politica estera dell'esecutivo.

"L'obiettivo della cessazione delle ostilita' sembra piu' una dichiarazione di principio. Anzi si sente parlare costantemente di offensiva. Il problema non e' il sostegno militare, ma una corsa ad armamenti sempre piu' potenti con il rischio di un incidente da cui non si possa tornare indietro", ha sottolineato il presidente dei leghisti al Senato che ha evidenziato il "deserto della diplomazia" e ha avvertito sul rischio del pensiero unico, anzi di una "dolce tirannia del pensiero dominante". "L'Europa un obiettivo di pace se lo deve dare", ha sostenuto l'azzurro Gasparri. Non verra' comunque meno il sostegno al governo con la premier che si e' rivolta anche all'opposizione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
armi ucraina distinguo lega





in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


in vetrina
Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn

Netflix, non solo serie tv e film: ora lancia la sua linea di pop corn


motori
La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.